“Gli asset piu’ rischiosi destinati a schiantarsi”

7 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La lettera di Jeremy Grantham, uno dei piu’ apprezzati analista finanziari, non lascia spazio ai dubbi: i titoli azionari e gli altri asset piu’ rischiosi scambiati nei mercati sono destinati a crollare e schiantarsi.

“Gli investitori sono stati convinti del fatto che l’azionario rappresenta un investimento vantaggioso”, ma in realta’ le cifre dell’economia reale non supportano i rialzi visti di recente in Borsa.

Secondo le stime pubblicate in una newsletter estremamente pessimista, il Pil della maggiore economia al mondo si contrarra’ dallo 0,9% per anno allo 0,4% nell’arco del periodo 2030-2050.

Vista la sua esperienza pluridecennale nel mondo degli investimenti Grantham si e’ guadagnato lo status di grande esperto di mercati. Proprio per questo, tutti quelli che hanno investito nei mercati azionari oggi, potrebbero prendersi paura leggendo la sua ultima lettera agli operatori di Borsa.

Nella sezione intitolata “Engineered Low Interest Rates”, Grantham parla dell’impatto che hanno le politiche monetarie ultra-accomodanti della Fed.

L’avvertimento principale riguarda l’inflazione: il rincaro riguardera’ con il tempo tutte le classi di asset, passando dall’una all’altra fino a quando le cose non si sistemeranno alla conclusione di una serie di “entusiasmanti crolli”.