Germania, l’esercito si prepara a spaccatura UE

7 Novembre 2017, di Livia Liberatore

Secondo i vertici militari della Germania, l’Europa rischia nei prossimi vent’anni di finire come la ex Jugoslavia negli anni Novanta, distrutta da un conflitto intestino. Quello di una spaccatura dell’Unione europea è uno dei sei scenari possibili per il futuro geopolitico della regione, previsti da un report interno che i giornalisti di Der Spiegel hanno potuto leggere. Il documento si intitola “Strategic Perspective 2040“, è lungo 102 pagine ed è stato adottato a febbraio 2017 e poi tenuto sotto silenzio.

I sei scenari ipotizzati sono quelli che potrebbero influenzare la difesa tedesca nei prossimi anni. Uno dei sei riguarda proprio la “disintegrazione dell’Ue e la Germania in modalità reattiva“. Le forze tedesche si trovano ad agire in un mondo in cui l’ordine internazionale viene eroso da decenni  di instabilità, i valori del sistema di relazioni internazionali divergono e la globalizzazione finisce. L’allargamento dell’Ue è stato interrotto e altri Stati hanno abbandonato l’Unione europea, che ha perso la sua competitività globale.

Questo mondo sempre più caotico, disordinato e conflittuale ha cambiato la sicurezza della Germania e dell’Europa. Negli altri futuri possibili l’esercito tedesco sembra essere preoccupato dal crearsi di una situazione simile a una nuova Guerra Fredda. Nel quinto scenario (denominato “Ovest a Est”) alcuni Stati dell’Europa dell’Est hanno congelato il processo di integrazione europea mentre altri hanno aderito al “blocco orientale”.

Nel quarto (“competizione multipolare”), l’estremismo è in aumento e ci sono partner dell’Ue che a volte sembrano avvicinarsi all’approccio russo di “capitalismo statale”. Nel documento si dice espressamente che non vengono fatte previsioni ma che tutti gli scenari sono plausibili con l’orizzonte temporale del 2040.