Gen Z e Millennial: come la pandemia ha eroso i risparmi dei più giovani

14 Febbraio 2022, di Alessandra Caparello

Tra conti correnti e contanti, le famiglie italiane hanno accumulato oltre 153 miliardi in più sotto forma di depositi, con una crescita dell’11% circa da inizio pandemia. La crisi del Covid ha reso le famiglie italiane meno propense al consumo, facendo accrescere la tendenza a risparmiare, stavolta per i timori legati proprio all’emergenza sanitaria ed economica degli ultimi due anni” ha affermato il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni.

Ma se in molti hanno risparmiato, durante la pandemia c’è chi invece ha perso molto. Lo dice uno studio stilato da Bankrate che ha intervistato più di 1.000 adulti statunitensi nel gennaio 2022 scoprendo che il Covid “ha rapidamente eroso i risparmi” dei più giovani.

Millennials, Gen Z e risparmi: cosa è successo nella pandemia

Parliamo dei millennial, coloro che hanno un’età compresa tra i 26 e i 41 anni, e i membri della Gen Z, quelli che hanno un’età compresa tra i 18 e i 25 anni: entrambe le categorie sono quelli i cui risparmi hanno subito il colpo più grande, secondo il sondaggio. I millennial erano anche più propensi di altre fasce d’età ad avere più debiti con le carte di credito rispetto ai loro risparmi.

Quasi la metà degli intervistati della Gen Z – il 46% – dice che i loro risparmi di emergenza sono meno nel 2022 di quanto non fossero all’inizio della pandemia, mentre il 43% dei millennial ha detto la stessa cosa sui loro risparmi. I risultati sono stati ancora peggiori per i millennial più giovani, quelli tra i 26 e i 32 anni, con il 54% di loro che ha detto che i loro risparmi di emergenza sono diminuiti durante la pandemia. In confronto, circa il 37% dei Gen Xers ha detto che i loro risparmi sono diminuiti durante la pandemia, così come solo il 27% dei baby boomers.

L’Economic Policy Institute ha scoperto inoltre nel 2020, anno dello scoppio della pandemia, la Gen Z era quella che ha visto i suoi membri sottoccupati o disoccupati a causa proprio del Covid.  Il Pew Research Center ha anche scoperto che gli americani tra i 18 e i 29 anni, che copre sia la Gen Z che i più giovani millennial, sono stati tra i più probabili a perdere un lavoro durante la pandemia, e sono stati il gruppo più incline a subire un taglio di stipendio.
Così non sorprende che per i millennial, la diminuzione dei loro risparmi ha anche coinciso con un aumento del loro debito con la carta di credito. Secondo Bankrate, il 32% dei millennial dice che quello che hanno ora in risparmi è meno di quello che hanno in debito con la carta di credito.

Tuttavia, la Gen Z e la Gen X tendono a fare meglio dei millennials in questo senso, secondo il sondaggio Bankrate per cui solo il 23% dei Gen Zers e il 24% dei Gen X riferiscono che il loro debito supera i risparmi.

Prima della pandemia, i millennial tendevano effettivamente a risparmiare di più e ad evitare il debito meglio delle vecchie generazioni, perché stavano diventando maggiorenni al tempo del busto delle dotcom e della crisi finanziaria del 2008.

“Ma i periodi di interruzione del reddito o di disoccupazione totale possono rapidamente erodere i risparmi accumulati e provocare un debito con la carta di credito che prima non esisteva”, dice McBride di Bankrate. Nel complesso, Bankrate ha scoperto che la percentuale di americani che hanno più denaro risparmiato di quello che devono in debito di carta di credito è diminuita leggermente, scendendo al 53% nel gennaio 2022 dal 54% di un anno prima.
Tuttavia, quel numero è in realtà più alto di quanto fosse prima della pandemia, quando solo il 44% delle persone nel 2019 ha detto che i loro risparmi superavano il debito della carta di credito. In generale però c’è da dire che molti americani non hanno ancora risparmi di emergenza.

Circa 1 famiglia su 7 non ha debiti con le carte di credito, ma non ha nemmeno risparmi di emergenza, che è una situazione precaria di per sé, perché quelle famiglie hanno maggiori probabilità di avere le loro finanze interrotte da una grande spesa inaspettata, aggiunge McBride. Da ultimo si raccomanda di dare un’occhiata al proprio budget e capire dove potete permettervi di mettere da parte piccole quantità di denaro per iniziare a costruire il vostro fondo di risparmio d’emergenza per un “giorno di pioggia”.