Gas, prezzi in forte calo grazie a clima mite e ampia offerta

18 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del gas olandese e britannico sono scesi oggi, messi sotto pressione dalla bassa domanda dovuta al clima più caldo del solito e dall’ampia offerta dovuta al costante arrivo di navi cisterna di gas naturale liquefatto (GNL).

Il contratto olandese di riferimento con scadenza a novembre è sceso per il quinto giorno di negoziazione consecutivo (-15,70% a 107,50 euro per megawattora al momento della redazione di questo articolo): il livello più basso da metà giugno. Il contratto britannico day-ahead è sceso di 23 pence a 35 pence per therm. “Una domanda debole e un’offerta soddisfacente continuano a esercitare una forte pressione al ribasso. Le nuove previsioni meteorologiche che indicano temperature più calde forniscono un’ulteriore pressione al ribasso”, hanno affermato gli analisti di Engie EnergyScan.

Le previsioni prevedono che il resto di questa settimana e la prossima saranno più miti del normale, riducendo così la domanda di riscaldamento. Il costante arrivo di navi che trasportano GNL in Europa ha anche alleviato le preoccupazioni per la carenza di approvvigionamento poiché la Russia ha progressivamente ridotto i flussi di gas.

Sono più di 35 navi cariche di GNL al largo della Spagna e nel Mediterraneo e i porti rimangono occupati per lo scarico. “Il calo delle forniture russe in Europa è stato ora quasi completamente assorbito dal mercato, che è un promettente presagio per l’Europa all’inizio dell’inverno”, hanno affermato gli analisti di Marex Research. “Prevediamo che questo afflusso di GNL rimarrà costante per tutto l’inverno”, hanno aggiunto.