Fuori da Qatar 2022: quanto costa l’uscita dell’Italia dai mondiali di calcio

25 Marzo 2022, di Mariangela Tessa

Per la seconda volta di fila, la Nazionale di calcio italiana non parteciperà ai Mondiali, che si disputeranno quest’anno in Qatar.
Una batosta difficile da digerire non solo per i tifosi ma anche per le ripercussioni economiche che rendono ancora più amaro il risultato della partita, disputata ieri contro la Macedonia del Nord.

A quanto ammontano le perdite

Ma a quanto ammontano le perdite complessive? Difficile dirlo con precisione, ma fallendo l’accesso al Mondiale, la Nazionale Italiana lascerà prima di tutto sul piatto i premi distribuiti tra le nazionali in base al diverso numero di vittorie e alla fase raggiunta nella competizione.

Vediamo quanto si guadagna per ogni fase, considerando che la cifra è in milioni di dollari:

  • partecipazione: 2,5 milioni di dollari;
  • fase a gironi: 8 milioni;
  • ottavi di finale: 12 milioni;
  • quarti di finale: 16 milioni;
  • quarto posto: 22 milioni;
  • terzo posto: 26 milioni;
  • finale: 32 milioni;
  • squadra campione 45 milioni.

Quindi l’Italia perde sicuramente almeno due milioni di euro per la mancata partecipazione e poco meno di altri 8 per la fase a gironi. Quindi se anche fosse stata eliminata nella fase a gironi, l’Italia avrebbe incassato circa 9,5 milioni di euro.

Mondiali di calcio, sponsor e diritti televisivi

Ci sono poi le perdite legate alle sponsorizzazioni: i contratti prevedono una sorta di penale, per cui, secondo la Repubblica, si prevede una decurtazione di circa 5 milioni di euro in caso di mancata qualificazione.

A queste perdite si aggiungeranno infine quelle derivanti dalla cessione dei diritti televisivi per la manifestazione qatariota.

A questo proposito bisogna anche sottolineare come l’assenza dell’Italia ai Mondiali rappresenterà un duro colpo anche per la Rai, che aveva investito in aprile tra i 135 e i 170 milioni per accaparrarsi i diritti della competizione, scommettendo sulla presenza degli azzurri. Venendo meno questi, chiaramente il torneo avrà meno appeal per gli inserzionisti e gli introiti della raccolta pubblicitaria saranno decisamente inferiori.