Fintech: i profili professionali più ricercati nel 2019

18 Dicembre 2018, di Alessandra Caparello

Programmatori e sviluppatori, manager delle vendite, del marketing, business development e delle pubbliche relazioni. Queste i profili professionali più ricercati nel 2019 nel settore Fintech  secondo una survey condotta da Meritocracy, agenzia di recruitment digitale e Fintastico, una sorta di Tripadvisor del fintech, intervistando 50 top manager del settore italiano.

Ebbene il 65% prevede di assumente fino a 10 dipendenti nel prossimo anno e il 21% ha in programma tra 10 e 50 assunzioni. Numeri molti buoni considerando la difficoltà che ancora registra il mercato del lavoro italiano. Nel dettaglio un’azienda su tre prevede di assumere programmatori e sviluppatori, mentre una su cinque assumerà professionisti del sales e bussiness development e una su sei manager del marketing e delle pr. Cosa cercano le aziende fintech nei loro professionisti? Non solo conoscenze tecniche, ma anche requisii comuni.

In primis la capacità e la volontà di mettere in discussione lo status quo, i standard con i quali il mercato opera, rivoluzionandoli e trovando nuove soluzioni più aderenti ai bisogni dei consumatori. Aver precedenti esperienze in aziende in forte crescita è quindi considerato un valore aggiunto, così come un’approfondita competenza della finanza.

Così Alberto Manassero, co- founder di Meritocracy. Le soft skill più apprezzate? Dinamicità, flessibilità, attitudine e ad adattarsi in ambienti di lavoro che cambiano molto rapidamente.