Fintech, Azimut tokenizza un fondo con Allfunds e BNP

di Luca Losito
6 Aprile 2023 10:04

Importante operazione sinergica sul segmento fintech, che ha portato alla tokenizzazione di un fondo di investimento targato Azimut. Ad annunciarla con una nota sono i player coinvolti nell’innovativo progetto: Azimut, per l’appunto, con Allfunds Blockchain e BNP Paribas. Vediamo tutto nell’analisi.

La prima fase

In particolare, il Gruppo Azimut, attraverso Azimut Investments S.A., Allfunds Blockchain e BNP Paribas Securities Services hanno concluso la prima fase di una iniziativa congiunta in ambito blockchain con la tokenizzazione di una quota del fondo domiciliato in Lussemburgo AZ RAIF I – Absolute Non-Performing Assets, una delle strategie di private debt del Gruppo. Nello specifico, questo fondo è focalizzato su un portafoglio diversificato di asset backed securities (ABS) con sottostanti che permettono varie esposizioni ai non performing, tra cui NPL di origine bancaria e crediti derivanti da procedure di insolvenza.

La svolta fintech di Azimut

Questo rappresenta un ulteriore passo nel mondo della finanza decentralizzata per il Gruppo Azimut che nel 2021 è stato il primo asset manager a lanciare un security token collegato a un portafoglio di prestiti alle piccole e medie imprese. L’obiettivo di questa nuova iniziativa è quello di valutare l’efficienza della Distributed Ledger Technology (DLT) nel processare importanti operazioni all’interno del ciclo di investimento dei fondi di investimento. Il modello punta a facilitare il processo di trasferimento di quote tra gli investitori nei fondi Azimut nell’ecosistema blockchain offerto da Allfunds Blockchain.

Il ruolo dei due partner

L’adozione del know-how e del network di Allfunds Blockchain consente alle parti di tracciare tutte le operazioni connesse in tempo reale, aumentandone la trasparenza e l’efficacia.

BNP Paribas Securities Services, nel suo ruolo di fornitore di servizi, ha integrato Allfunds Blockchain nei suoi sistemi informatici. I contratti “smart” gestiti dalla piattaforma di Allfunds Blockchain coprono ogni fase di un fondo tokenizzato e il suo livello di interfaccia ha reso possibile la perfetta integrazione con tutti i sistemi operativi esistenti dei partecipanti.

Il commento di Azimut

Giorgio Medda, CEO e Global Head of Asset Management e Fintech del Gruppo Azimut, commenta: “Azimut è ancora una volta un pioniere del mercato realizzando una delle primissime tokenizzazioni di quote di un fondo a livello europeo. Siamo entusiasti di aver portato a termine questa transazione che dà ulteriore profondità al nostro modello di asset management che incorpora una gamma completa di strategie sui private markets a vantaggio della diversificazione dei portafogli dei nostri investitori. La tokenizzazione apre la strada a una maggiore inclusione di queste strategie nell’asset allocation dei clienti grazie al miglioramento del profilo di liquidità degli investimenti nei fondi chiusi dedicati ai mercati privati. La portata rivoluzionaria di questa iniziativa rafforzerà anche lo sviluppo del nostro progetto neoLending, che punta a fornire un canale di finanziamento alternativo per le PMI italiane ed è sostenuto dalle nostre soluzioni di private debt e dalla potenza del fintech, quest’ultima già utilizzata nelle nostre strategie per supportare l’origination e il risk management. Il nostro prossimo passo sarà il lancio di un fondo con quote “native” tokenizzate che ci permetterà di sfruttare appieno i vantaggi operativi della tecnologia blockchain lungo l’intera catena del valore del nostro settore”.

La view di Allfunds

Rubén Nieto, Managing Director di Allfunds Blockchain, commenta: “Siamo estremamente orgogliosi di fornire la nostra tecnologia a due importanti operatori all’avanguardia nell’innovazione del settore dei fondi. Questo risultato dimostra la nostra visione sulla blockchain: collaborare con tutti gli attori chiave della catena del valore per massimizzare il potenziale di questa tecnologia e fornire vantaggi tangibili in una serie di casi di applicazione. Con i nostri due partner, non vediamo l’ora di far progredire il settore ancora di più nel futuro”.

Le parole di BNP

Paul Daly, Head of Distribution Products e Solutions, Securities Services in BNP Paribas, aggiunge: “BNP Paribas da diversi anni sta esaminando lo spazio DLT per la distribuzione dei fondi e riteniamo che la tecnologia abbia il potenziale di migliorare l’efficienza e la trasparenza nel settore dei fondi. Siamo entusiasti di contribuire a costruire le basi di questa stimolante iniziativa e di esplorare le fasi future del settore in linea con l’evoluzione del mercato”.