Fenomeno Facebook, boom assunzioni. Base utenti più alta di intera popolazione cinese

23 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Nel primo trimestre del 2015, Facebook ha riportato un utile per azione di 42 centesimi, su un fatturato di $3,54 miliardi. L’attivo per azione è stato superiore ai 40 centesimi attesi dal consensus di Thomson Reuters, ma il fatturato ha deluso le stime di $3,56 miliardi. Il titolo Facebook ha dunque ceduto nelle contrattazioni afterhours di Wall Street.

Gli utili netti sono calati a 512 milioni, -20% rispetto ai 642 milioni del primo trimestre dell’anno scorso. Escludendo le voci di bilancio straordinarie, l’attivo per azione è appunto salito a 42 da 35 centesimi.

Tuttavia, indicativo della continua crescita del gigante dei social media, è l’annuncio della forte crescita degli utenti, che ha mostrato come la base mensile degli utenti sia più numerosa dell’intera popolazione cinese.

Precisamente, stando a quanto riporta Cnbc gli utenti attivi su base mensile si sono attestati a marzo a 1,44 miliardi, in crescita +13% su base annua, superando le attese di 1,23 miliardi di unità. Su base giornaliera, gli utenti attivi sono stati pari a 936 milioni di unità, in media, sempre per il mese di marzo, in aumento +17% rispetto allo stesso periodo dell’anno, e meglio del consensus di 920,2 milioni.

L’amministratore delegato del colosso, Mark Zuckerberg, ha descritto il primo trimestre come “un buon trimestre e un buon inizio d’anno”, mettendo in evidenza la forte crescita degli utenti di FB sul canale mobile e più di 1 miliardo di ricerche sul mobile ogni giorno. Ciò porta Facebook e la sua App Instagram a controllare più di uno di ogni cinque minuti di tempo che gli utenti Usa trascorrono utilizzando i loro smartphone.

Sebbene inferiore alle attese, il fatturato è comunque cresciuto +42% sui $2,50 miliardi del primo trimestre del 2015. Il rialzo sarebbe stato +49%, ha spiegato l’azienda, se non avesse sofferto per l’apprezzamento del dollaro.

E’ boom delle assunzioni inoltre, con il personale che, a 10.082 di dipendenti alla fine di marzo, è balzato +48% su base annua.

crisi finanziaria