Fed, Yellen scatena timori su bolla azioni e bond

7 Maggio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – I mercati azionari e obbligazionari viaggiano su livelli piuttosto alti. L’allarme arriva dal presidente della Federal Reserve, Janet Yellen, che in una conferenza a Washington con Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, ha messo in guardia gli investitori sui rischi di investimento in un contesto di tassi bassi.

Yellen ha inoltre aggiunto che la Fed è a conoscenza della possibilità che ci possa essere un deciso balzo dei tassi a lungo termine, nel momento in cui verranno alzati i tassi. Su quest’ultimo punto nessuna indicazione è arrivata sui tempi. “I tassi di interesse a lungo termine viaggiano a livelli molto bassi – ha detto Yellen – Potremmo assistere a un forte balzo dei tassi di lungo termine”, dopo che la Banca centrale inizierà ad alzare i tassi sui fed funds.

Le dichiarazioni del banchiere centrale hanno causato forti smobilizzi sia sui bond che sull’azionario. In particolare, i tassi sui Treasuries a 10 anni sono saliti al massimo in due mesi, al 2,26%.

Il numero uno della Fed ha inoltre aggiunto che il sistema bancario attuale è molto più sicuro di quello dopo lo scoppio della crisi finanziaria del 2008, specificando che la Federal Reserve e altre autorità finanziarie hanno “fatto progressi significativi nell’affrontare problemi legati agli incentivi all’interno del settore finanziario”.

Secondo il numero uno della Banca Centrale Americana, “un settore finanziario ben funzionante promuove la creazione di posti di lavoro, l’innovazione e una crescita economica inclusiva. Ma quando gli incentivi nelle aziende finanziarie sono distorti, queste aziende potrebbero agire in modi che possono ledere la società”, sostiene il governatore aggiungendo: “Regole appropriate, insieme a una supervisione vigile, sono essenziali per affrontare queste questioni”. (mt-Lna)