Fed, rialzo dei tassi non è in vista prima del 2024

16 Settembre 2020, di Alberto Battaglia

Il Federal open market committee ha dato un chiaro segnale sul fatto che i tassi d’interesse resteranno ai livelli attuali fino al 2023 compreso. Anno al termine del quale il Comitato prevede che l’inflazione Pce potrà raggiungere i livelli-obiettivo. Come da attese, invece, i tassi sono rimasti invariati.

Le previsioni su Pil e inflazione

Contestualmente alle decisioni di politica monetaria, la Federal Reserve ha innalzato le previsioni per il Pil 2020 e abbassato le stime sul tasso di disoccupazione a fine anno al 7,6%.
Per quanto riguarda il Pil la previsione è del -3,7% per il 2020, con aumenti del 4, 3 e 2,5% nei tre anni successivi. Nel 2023 il tasso di disoccupazione dovrebbe riportarsi al 4% e l’inflazione raggiungere il target del 2%.

Le decisioni sono state assunte con una maggioranza di otto voti contro due (Kaplan e Kashkari sono stati i “dissidenti”).

Il comunicato

“La Federal Reserve si impegna a utilizzare la sua gamma completa di strumenti per sostenere l’economia degli Stati Uniti in questo momento difficile, promuovendo così i suoi obiettivi di massima occupazione e stabilità dei prezzi”.

“La pandemia COVID-19 sta causando enormi difficoltà umane ed economiche negli Stati Uniti e in tutto il mondo. L’attività economica e l’occupazione sono aumentate negli ultimi mesi, ma rimangono ben al di sotto dei livelli di inizio anno. La domanda più debole e i prezzi del petrolio significativamente più bassi stanno frenando l’inflazione dei prezzi al consumo. Le condizioni finanziarie complessive sono migliorate negli ultimi mesi, riflettendo in parte le misure politiche a sostegno dell’economia e del flusso di credito alle famiglie e alle imprese statunitensi”.

“Il percorso dell’economia dipenderà in modo significativo dagli sviluppi del virus. L’attuale crisi della sanità pubblica continuerà a pesare sull’attività economica, sull’occupazione e sull’inflazione nel breve termine e pone notevoli rischi per le prospettive economiche nel medio termine”.

“Il Comitato cerca di ottenere il massimo dell’occupazione e dell’inflazione al tasso del 2% nel lungo periodo. Con l’inflazione che scorre costantemente al di sotto di questo obiettivo di lungo periodo, il Comitato mirerà a raggiungere un’inflazione moderatamente superiore al 2% per un po’ di tempo, in modo che l’inflazione sia in media del 2% nel tempo e le aspettative di inflazione a lungo termine rimangano ben ancorate al 2%. Il Comitato prevede di mantenere un orientamento accomodante della politica monetaria fino al raggiungimento di questi risultati.

“Il Comitato ha deciso di mantenere l’intervallo obiettivo per il tasso dei fondi federali da 0 a 0,25% e si aspetta che sarà opportuno mantenere questo intervallo obiettivo fino a quando le condizioni del mercato del lavoro non avranno raggiunto livelli coerenti con le valutazioni del Comitato sulla massima occupazione e l’inflazione è aumentata al 2% ed è sulla buona strada per superare moderatamente il 2% per qualche tempo”.

“Inoltre, nei prossimi mesi la Federal Reserve aumenterà le sue disponibilità in titoli del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca di agenzie almeno al ritmo attuale per sostenere il buon funzionamento del mercato e contribuire a promuovere condizioni finanziarie accomodanti, sostenendo così il flusso di credito a famiglie e imprese”.

“Nel valutare l’orientamento appropriato della politica monetaria, il Comitato continuerà a monitorare le implicazioni delle informazioni in arrivo per le prospettive economiche. Il Comitato sarà pronto ad adeguare l’orientamento della politica monetaria in modo appropriato qualora emergessero rischi che capaci di ostacolare il raggiungimento degli obiettivi prefissati dal Comitato medesimo. Le valutazioni del Comitato terranno conto di un’ampia gamma di informazioni, compresi dati sulla salute pubblica, le condizioni del mercato del lavoro, pressioni e aspettative per l’inflazione e sviluppi finanziari e internazionali”.