FCA vende Magneti Marelli alla giapponese Calsonic Kansei

22 Ottobre 2018, di Mariangela Tessa

Dopo mesi di trattative, l’accordo è stato raggiunto: FCA cederà Magneti Marelli alla società di componentistica giapponese Calsonic Kansei, controllata dal fondo statunitense Kkr. L’operazione ha un valore pari a 6,2 miliardi di euro.

Positiva la reazione del mercato. Nelle prime battute, Fca non entra in negoziazione, segna +6,1% teorico.

La cessione della società, prima operazione importante sotto la guida del nuovo ceo Mike Manley, diventerà operativa dopo il via libera dell’Antitrust e consentirà a Fca di distribuire parte del ricavato agli azionisti o aumentare gli investimenti.

La vendita, garantisce il comunicato, non avrà impatti sui livelli occupazionali: i dipendenti sono 43.000 nel mondo di cui 9.981 in Italia. La sede centrale è a Corbetta, in provincia di Milano. Gli stabilimenti italiani sono in Piemonte, Campania ed Emilia Romagna.

“Dopo aver esaminato attentamente una serie di opzioni per consentire a Magneti marelli di esprimere tutto il suo potenziale – ha spiegato Manley – la combinazione con Calson Kansei si è rivelata un’opportunità ideale per accelerare la crescita futura di Marelli. Le attività così combinate continueranno ad essere uno dei partner commerciali più importanti di Fca“. Infatti, spiega l’ad del Lingotto, “Fca ha sottoscritto un accordo di fornitura pluriennale con Marelli Ck per mantenere l’operatività di Marelli in Italia e sostenere la presenza industriale e i livelli occupazionali”.

La nuova Marelli Calsonic Kansei avrà un fatturato di 15,2 miliardi di euro, 200 impianti produttivi nel mondo e centri di ricerca e sviluppo in Europa, Giappone e America.