Falso in bilancio “diventerà legge”, aumentano le pene

17 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’emendamento presentato in Senato al disegno di legge anticorruzione prevede l’aumento delle pene e il raddoppio dei tempi di prescrizione per il reato di falso in bilancio.

Ad annunciarlo è il premier Matteo Renzi su Twitter: “Contro corruzione proposte governo: pene aumentate e prescrizione raddoppiata. E l’Autorità oggi è legge con presidente Cantone”.

Il Guardasigilli Andrea Orlando ha così commentato il ddl ora all’esame della commissione Giustizia del Senato: “Ci sono tutte le condizioni per rispettare i tempi per l’Aula. Il testo è equilibrato, efficace e incisivo che colma le lacune. Può mordere il fenomeno della corruzione”.

I vertici di una società che “al fine di conseguire per sé o per altri un ingiusto profitto” espongono “consapevolmente”, “fatti materiali rilevanti” o li omettono rischiano da 1 a 5 anni. E’ quanto prevede l’emendamento del Governo sul falso in bilancio al ddl anticorruzione.

Orlando era ieri al Senato per seguire i lavori della Commissione sul testo, affiancando così il viceministro Enrico Costa, che ha presentato l’emendamento sul falso in bilcancio.

La seduta ha subìto una sospensione per mancanza del numero legale, ma poi è ripresa. Quando il viceministro Enrico Costa è arrivato nell’aula della Commissione per presentare l’emendamento sul falso in bilancio al ddl anticorruzione, i parlamentari del Pd risultavano assenti. Così il presidente Nitto Palma ne ha stabilito la sospensione.
[ARTICLEIMAGE]
Il testo, che era atteso per oggi in Aula, verrà esaminato molto probabilmente dall’Assemblea la prossima settimana. Il governo infatti ha presentato il suo emendamento sul falso in bilancio in Commissione Giustizia ma il termine per i subemedamenti è stato fissato a mercoledì prossimo alle 16.

Secondo Graziano Delrio, segretario di Stato alla presidenza del Consiglio, il ddl anti corruzione “diventerà legge”.

(DaC)