Piazza Affari, lo stockpicking di Equita: i titoli suggeriti per il 2021

18 Dicembre 2020, di Alberto Battaglia

Le prospettive del mercato azionario rimangono positive per il 2021 e Piazza Affari, valutazioni alla mano, sarebbe fra i più interessanti. E’ quanto afferma Equita Sim nel suo rapporto dedicato alla selezione dei titoli azionari per l’anno prossimo.

“Il mercato italiano resta tra i più attraenti in termini di rapporto prezzo/utili (2021-22E = 15.5x-12.6x), con una crescita degli utili del 59% annua nel 2021 rispetto al 2020 (dove ci aspettiamo un calo del 49%), crescita che ci aspettiamo proseguire nel 2022 (+23% anno su anno)”, ha scritto Luigi De Bellis, co-responsabile dell’Ufficio Studi Equita, “queste stime lasciano gli utili 2021 il 18% sotto i livelli del 2019, e in linea nel 2022”.

Politiche monetarie che rimarranno accomodanti e prosecuzione della monetizzazione del debito statunitense saranno alcuni dei fattori determinanti nel mantenimento di un sentiment positivo nei confronti del mercato azionario; anche perché, scrive Equita, “i rendimenti obbligazionari non dovrebbero muoversi in maniera significativa verso l’alto anche in uno scenario di forte ripresa economica”.

In particolare, “le azioni hanno delle valutazioni attraenti rispetto alle obbligazioni, con il dividend yield sul mercato italiano che è >5x il rendimento del BTP decennale”, ha precisato De Bellis, “inoltre, diversamente dalle obbligazioni, gli utili catturano l’inflazione, su cui vediamo dei rischi al rialzo alla luce dell’importante livello di liquidità presente sul mercato e un potenziale aumento significativo della domanda post-vaccini”.
La possibilità che l’inflazione possa tornare, infatti, sta animando un dibattito, per ora molto teorico, su diverse testate fra cui il Financial Times e l’Economist.

Le azioni scelte da Equita

Condividiamo di seguito le “Best Picks” azionarie selezionate da Equita Sim sui diversi mercati.

Tra i titoli del FTSE MIB:

  • Buzzi
  • FCA
  • Nexi
  • Terna
  • Unipol

Tra le mid-small caps:

  • ASTM
  • Credem
  • CIR
  • Falck Renewables
  • Technogym

Tra i titoli Europei:

  • EssilorLuxottica
  • Infineon
  • Korian
  • Linde
  • Merck