“Attenti a quei due” – Chi investe in Borsa campa cent’anni? (VIDEO)

16 Dicembre 2020, di Redazione Wall Street Italia

La nuova trasmissione di Leopoldo Gasbarro ed Alessandro Plateroti.

Nella guerra alla pandemia, il tempo è più prezioso del denaro: ma i mercati non hanno fretta. Ai prezzi attuali del Nasdaq, chi compra pensa al futuro dei nipoti: serviranno 74 anni di profitti cumulati di tutti i colossi dell’hi-tech, per giustificare il costo dell’investimento sull’indice.

Un nuovo record storico per le follie speculative di Wall Street. Tesla è il caso scuola: a 635 dollari per titolo, serviranno 1.300 anni di profitti cumulati della “start up” automobilistica di Elon Musk (104 milioni di dollari nel terzo trimestre 2020) per giustificare il costo dell’investimento.

Una vera scommessa sul futuro: al confronto di Tesla, le vecchie glorie delle quattro ruote sono pronte per Jurassic Park: a 41 dollari per azione, la “scommessa” sulle azioni della Gm è di appena 13 anni, in linea con Bmw (13x) Fca (22x), Peugeot (10), Ford, Toyota e le altre case mondiali.

Che dire? Se non è fiducia sul futuro del mondo, è una scommessa su un futuro di crisi ed emergenze: solo la garanzia del denaro gratis, giustifica i multipli record raggiunti dalle azioni e dagli indici di borsa.

Lunga vita alla Tesla: altrimenti sono guai.