Eni annuncia nuova scoperta di un giacimento di gas in Egitto

16 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

Il gruppo Eni e il colosso energetico statunitense Chevron hanno dichiarato domenica di aver effettuato una nuova scoperta di gas in un giacimento offshore egiziano nel Mediterraneo orientale.

Il pozzo Nargis-1 fa parte del pozzo egiziano di 1.800 km² Nargis Offshore Area, concessione gestita da Chevron, che ne detiene una quota del 45%. Eni detiene una quota del 45%, mentre l’egiziana Tharwa Petroleum Company SAE detiene una quota del 10%.

L’EGAS, di proprietà statale egiziana, ha affermato che la quantità di riserve nel pozzo è in fase di valutazione e collaborerà con Chevron e gli altri partner per avviare la produzione il prima possibile.

Chevron è stata “incoraggiata ed entusiasta dal successo di questo primo pozzo esplorativo che ha incontrato giacimenti di alta qualità”, ha dichiarato in una nota Clay Neff, presidente di Chevron International Exploration and Production.

Eni a caccia di nuove fonti di gas

Eni è alla ricerca di nuove fonti di gas poiché mira a sostituire completamente le importazioni di gas dalla Russia entro il 2025 a seguito delle ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina. La nuova scoperta “può essere sviluppata sfruttando la vicinanza alle strutture esistenti di Eni”, ha affermato il gruppo in una nota.

La posizione dell’Egitto come produttore di gas è stata rafforzata dalla scoperta da parte di Eni del gigantesco giacimento di Zohr nel Mediterraneo orientale nel 2015, sebbene abbia anche iniziato a importare gas da Israele a causa dell’aumento della domanda interna.

Sempre a proposito di gas, a livello europeo la Commissione Ue vuole che i paesi dell’Unione Europea inizino ad acquistare congiuntamente il gas “ben prima dell’estate”, ha detto il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic, un tentativo di aiutare i paesi a rifornire lo stoccaggio ed evitare una crisi di approvvigionamento il prossimo inverno.

Gli acquisti congiunti sul gas europeo

A seguito di un primo incontro dei rappresentanti dei paesi dell’Unione Europea per coordinare gli acquisti pianificati, Sefcovic ha affermato di aver esortato gli Stati membri a impegnarsi rapidamente con gli attori del mercato nei loro paesi per stimare i volumi di gas che potrebbero essere acquistati congiuntamente.

Sefcovic ha chiesto a tutte le aziende del settore di confermare se interessate ad aderire al programma dell’Ue per l’acquisto congiunto di gas, che la Commissione spera possa aiutare l’Europa a rifornire le caverne di stoccaggio esaurite ea negoziare prezzi più bassi utilizzando il potere d’acquisto collettivo dei paesi.

“Stiamo lavorando con un programma serrato per prepararci in tempo per il prossimo inverno e per la stagione di ricarica dei depositi”, ha affermato in una nota.

Alcuni funzionari dell’Ue hanno affermato che alcune grandi aziende energetiche hanno espresso riluttanza ad aderire, dal momento che possono già negoziare i propri accordi sul gas e dubitano che il regime dell’Unione Europea produrrà prezzi più bassi. La Commissione mira a pubblicare la quantità di gas che i paesi europei intendono acquistare congiuntamente all’inizio della primavera, per attirare le offerte dei fornitori.

I paesi dell’Ue devono garantire che le loro aziende locali partecipino all’aggregazione della domanda di gas con volumi equivalenti al 15% del gas necessario per riempire gli impianti di stoccaggio di quel paese al 90% della capacità. In tutto il blocco, il requisito del 15% ammonta a circa 13,5 miliardi di metri cubi di gas, una piccola parte delle importazioni totali di gas del blocco, che si attestavano a 338 miliardi di metri cubi nel 2021, secondo i dati Eurostat.