Elon Musk spodestato: chi è oggi l’uomo più ricco al mondo

di Alessandra Caparello
Pubblicato 15 Dicembre 2022 • Aggiornato 20 Dicembre 2022 11:22

Elon Musk non è più la persona più ricca del mondo. Secondo “Forbes” e gli ultimi aggiornamenti del Bloomberg Billionaires Index, il magnate sudafricano ha ceduto il titolo al presidente e ceo di LVMH, Bernard Arnault, alla chiusura di Borsa lunedì.

Mai prima d’ora qualcuno dalla Francia – o dall’Europa nel suo complesso – aveva rivendicato di possedere la più grande fortuna del pianeta. L’indice di ricchezza di Bloomberg stima che la maggior parte della fortuna di Arnault derivi dalla sua partecipazione del 97,5% in Christian Dior, che a sua volta controlla circa il 41% di LVMH. La famiglia detiene un’ulteriore quota di LVMH pari a circa il 6%.

Le cause della discesa di Musk

La ricchezza di Musk, in gran parte legata alle azioni Tesla, è stata alimentata da un’ascesa vertiginosa del prezzo delle azioni della casa automobilistica, che è schizzato di oltre il 1.000% in due anni. Ma poi a  hanno chiuso in ribasso di circa il 6,3% e quest’anno hanno più che dimezzato il loro valore, in parte a causa di una svendita accelerata sulla scia dell’acquisizione di Twitter da parte di Musk per 44 miliardi di dollari.

Secondo i dati di FactSet, Musk possiede attualmente il 14,11% delle azioni in circolazione di Tesla, per un valore di mercato di 530 miliardi di dollari. Musk possiede anche più del 40% delle azioni di SpaceX, aggiungendo miliardi sulla carta al suo patrimonio netto, sulla base di una valutazione del mercato privato di 125 miliardi di dollari del giugno 2022.

La fortuna di Musk oggi è dietro a quella di un altro uomo, il francese Bernard Arnault.

Chi è Bernard Arnault, l’uomo più ricco del mondo

La persona più ricca di Francia e oggi anche del mondo è il presidente di LVMH, il più grande produttore di beni di lusso al mondo. Si chiama Bernard Arnault e controlla circa la metà di LVMH, che nel 2021 ha registrato un fatturato di 64,2 miliardi di euro (76 miliardi di dollari). L’azienda vende prodotti come la pelletteria Louis Vuitton, gli orologi TAG Heuer e lo champagne Dom Perignon.

Ma chi è Arnault? Un articolo di Bloomberg ci dà una fotografia dell’uomo più ricco del mondo. Il 73 enne è da tempo una colonna portante delle classifiche di ricchezza ma, a differenza di Musk e di altri famosi miliardari, fa solo rare apparizioni in pubblico e non è personalmente attivo sui social media.

Arnault, che ha un valore stimato di 170,8 miliardi di dollari (230 miliardi di dollari), ha usato l’artigianato europeo per trasformare LVMH nel più grande conglomerato di beni di lusso del mondo con ben 75 grandi marchi che caratterizzano la sua attività. Sebbene l’indebolimento dei mercati abbia anche intaccato il patrimonio di Arnault quest’anno – la sua fortuna è scesa di circa 7,2 miliardi di dollari nel 2022 -, ma se l’è cavata meglio dei miliardari del settore tecnologico che dominano la lista dei ricchi del mondo. Ciò è dovuto al fatto che la domanda di prodotti di fascia alta si è mantenuta solida, grazie all’attenuarsi della crisi a seguito del Covid-19. L’anno scorso LVMH, con sede a Parigi, ha generato vendite per circa 64 miliardi di euro (91,7 miliardi di dollari), con un netto rimbalzo rispetto al picco della pandemia nel 2020. Arnault e la sua famiglia possiedono circa il 48% delle azioni della società, con il 64% dei diritti di voto, secondo il rapporto annuale.

Nato a Roubaix, nel nord della Francia, nel 1949, Arnault si è laureato alla scuola di ingegneria d’élite Polytechnique. Ha poi lavorato nell’azienda di famiglia Ferret Savinel, che si occupava di costruzioni industriali, prima di trasferirsi nel 1981 negli Stati Uniti, dove si è specializzato nello sviluppo immobiliare. Tornato in Francia, Arnault ha fatto il suo ingresso nel settore dei beni di lusso nel 1984, quando ha rilevato Boussac Saint-Freres, il gruppo tessile in bancarotta che possedeva un gioiello: Christian Dior. Nel 1989, con il ricavato, ha acquistato una quota di controllo di LVMH, le cui due aziende principali, Louis Vuitton e Moet Hennessy, si erano fuse nel 1987.

Nei tre decenni successivi ha trasformato LVMH in un colosso del lusso che vende champagne, vino, liquori, moda, pelletteria, orologi, gioielli, soggiorni in hotel, profumi e cosmetici in oltre 5.500 negozi in tutto il mondo. Arnault ha capito subito che la Cina sarebbe diventata un mercato chiave e ha aperto il primo negozio Louis Vuitton a Pechino nel 1992. LVMH, con un valore di mercato di 365,7 miliardi di euro, il più grande d’Europa, all’inizio di quest’anno ha eliminato il limite di età del suo amministratore delegato. Ciò consentirebbe ad Arnault di rimanere al timone fino a 80 anni, segno che intende rimanere in carica più a lungo.

Ma non solo vittorie. Nel corso della sua carriera, ancora non terminata, ha anche incontrato ostacoli. È stato battuto da Francois Pinault, uno dei più ricchi di Francia, nell’acquisto di Gucci, che ora fa parte di Kering.

Arnault ha anche fallito in un tentativo di acquisizione ostile di Hermes International, il produttore di borse Birkin di proprietà della famiglia più ricca del Paese. Un membro del clan di Hermes lo ha definito “un lupo in cashmere” per il modo predatorio con cui ha tentato di rilevare la loro azienda.

Arnault sta costruendo una propria dinastia all’interno di Lvmh. Ha cinque figli avuti da due matrimoni, tutti attualmente impiegati nell’azienda o in uno dei suoi marchi. Il suo secondo figlio, Antoine, 45 anni, ha appena ottenuto un ruolo più ampio nella holding Christian Dior. Noto per seguire una dieta rigorosa e giocare regolarmente a tennis, Arnault è anche un collezionista d’arte e nel 2014 ha guidato l’apertura della Fondation Louis Vuitton nel Bois de Boulogne di Parigi, un monumentale museo d’arte privato progettato dall’architetto Frank Gehry, destinato a ospitare la collezione aziendale di Lvmh e quella di Arnult.