Elezioni Ue, sondaggi: Lega sempre primo partito, giù M5S

1 Marzo 2019, di Alessandra Caparello

Continua l’exploit della Lega come rivela la seconda serie di proiezioni pubblicate dal Parlamento europeo in vista delle elezioni europee di maggio, sulla base dei dati di sondaggi nazionali. I dati si basano su una selezione di sondaggi condotti dagli istituti nazionali negli Stati membri e aggregati dall’agenzia Kantar per conto del Parlamento europeo. Le proiezioni riguardano l’Ue a 27, dopo la Brexit, e un Parlamento che avrà meno deputati (705) rispetto a quello uscente (751).

Come le prime proiezioni del  febbraio scorso, la Lega si conferma ancora primo partito italiano, arrivando a conquistare fino al 33,3%, mentre frena il M5S.  Rispetto alle proiezioni precedenti i Cinque Stelle calano calano dal 25,7% al 24,3% (a quota 21 con un seggio in meno). A conti fatti il partito di Matteo Salvini passerebbe a 28 seggi dai 27 delle precedenti proiezioni, mentre il Movimento Cinque Stelle si ferma a quota 21.

Nel centrodestra cresce anche Forza Italia che passa dall’8,7 al 9,1%, anche in questo caso con uno scranno in più (8 seggi). Trend negativo invece per il Pd che flette dal 17,3% al 16,9% (anche in questo caso un seggio in meno: 14). Nel Parlamento Ue secondo queste ultime proiezioni, arriverebbero anche 4 eurodeputati di Fratelli d’Italia (4,4%.), mentre non raggiungono la soglia di sbarramento del 4% e dunque non ottengono nessun seggio invece  +Europa (3,5%), Potere al popolo (2,3%) e Articolo 1-Mdp (1,8%)

 Tra i gruppi presenti all’Europarlamento, i sondaggi registrano un leggero calo per i Popolari, il gruppo Efdd (con il M5S e Farage) e l’Ecr (conservatori e riformisti), stabili Socialisti, Liberali ed il gruppo Enf (con la Lega e Marine Le Pen).