Ecco BiblioTech, la biblioteca senza libri, solo e-book, e-reader, computer e tablet

17 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

Wolff, bibliofilo settantenne, ha dichiarato di aver tratto ispirazione per questa sua idea dalla celebre biografia di Steve Jobs, scritta da Walter Isaacson.

Nell’innovativa biblioteca, al posto di lunghissimi scaffali, si possono trovare 150 e-reader, 50 pc, 25 notebook e altrettanti tablet.

La motivazione, più che di natura ecologica, pare essere legata alla possibilità di diminuire il digital divide e di offrire un computer e una connessione internet anche a chi non ce l’ha.

Il progetto partirà dalle zone più povere di Bexar, contea in cui si trova San Antonio, luogo in cui in passato ci sono state diverse proteste per la carenza di strutture adibite a scopi culturali. Gli addetti della BiblioTech avranno il compito di trasformarsi in una sorta di Apple Genius in grado di aiutare le persone che hanno scarsa dimestichezza con il computer.

Durante la settimana la biblioteca resterà aperta fino alle otto di sera per permetterne la fruizione anche a chi lavora a tempo pieno e agli studenti, mentre i cento e-book reader potranno essere ceduti in prestito, come se fossero dei veri e propri volumi.