Draghi, l’ultimo rimasto a difesa dell’euro: “Crescita è concreta”

2 Ottobre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Negli ultimi tre anni sono stati raggiunti una serie di progressi importanti per la stabilità e il rafforzamento della zona euro e il risultato è che la crescita sta tornando. Queste le parole del numero uno della BCE, Mario Draghi durante la cerimonia di consegna del Global Citizen Award dell’Atlantic Council.

Per Draghi ”il destino dell’Europa è di interesse dei suoi cittadini. Ma è di rilevanza anche per il mondo. L’Unione Europea e l’unione monetaria” – continua – “sono progetti regionali con implicazioni globali. Anche se l’area euro non ha dato un contributo importante alla crescita mondiale negli ultimi sette o otto anni, rappresenta il 17% del pil del mondo e il 16% degli scambi commerciali globali”.

Un “fantastico banchiere centrale, un cittadino del mondo” questi gli aggettivi che Christine Lagarde, direttore generale del Fondo Monetario Internazionale ha rivolto nei confronti di Dragni, manifestandogli tutta la sua stima. ”Ha visione, coraggio e determinazione” – sottolinea la Lagarde – “pochi hanno dimostrato una leadership e una determinazione come la sua. Ha difeso l’euro e spinto l’area euro nella giusta direzione”.

(Aca)