Disoccupazione Italia torna a salire, al 12,7% a febbraio

31 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – E’ praticamente il doppio di quella della Germania, che ha testato tra l’altro un nuovo minimo record. E’ la disoccupazione in Italia, che conferma come il mercato del lavoro continui a essere il tallone d’Achille del paese.

La disoccupazione italiana era scesa a dicembre e anche a gennaio. A febbraio, come comunica oggi l’Istat, ha ripreso a salire, facendo +0,1% al 12,7%, lo stesso valore di dicembre; su base annua, è salito dello 0,2%. Cresce nuovamente anche la disoccupazione giovanile, che sempre nel mese di febbraio balza al 42,6%, in crescita +1,3% rispetto a gennaio.

Complessivamente, nei dodici mesi il numero di disoccupati è cresciuto del 2,1% (+67.000), ma l’esercito dei disoccupati rimane molto numeroso, composto da 3 milioni 240.000 individui. Il numero dei giovani disoccupati, nello specifico, aumenta dell’1,7% su base mensile (+11mila).

Occhio agli inattivi con età compresa tra 15 e 64 anni; anche in questo caso il numero è salito a febbraio +0,1%. Il tasso d’inattività si mantiene stabile al 36% contro il 36,4% di febbraio 2014. Su base annua gli inattivi calano dell’1,4% (-204.000).

Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo dicembre-febbraio, l’occupazione è rimasta sostanzialmente stabile, mentre il tasso di disoccupazione è diminuito di 0,4 punti percentuali, in larga misura per la risalita del tasso d’inattività.