Deutsche Bank: industriali pronti a salvarla. Rumor aumento capitale

7 Ottobre 2016, di Laura Naka Antonelli

Se non dal governo di Angela Merkel, Deutsche Bank sarà comunque salvata. A tirare dai guai il colosso bancario tedesco, alle prese con la maxi multa imposta dalle autorità Usa per un valore di $14 miliardi, saranno gli industriali tedeschi. E’ quanto riporta Handelsblatt, citandono fonti interne al tessuto imprenditoriale della Germania, secondo cui, “nei giorni scorsi, i manager di aziende quotate sull’indice Dax (della borsa di Francoforte) si sarebbero riuniti per discutere un piano di salvataggio della banca”.

Tra le opzioni contemplate quella, se possibile, di acquistare le stesse azioni di Deutsche Bank, nel caso in cui l’istituto avesse bisogno di raccogliere risorse fresche, attraverso una operazione di aumento di capitale.

Handelsblatt scrive che una tale forma di salvataggio “semplificherebbe il rafforzamento delle riserve finanziarie” di Deutsche Bank e avrebbe anche il beneplacito di Merkel, tra l’altro già informata del piano.

Altre fonti riportate da Bloomberg indicano che Deutsche Bank stessa sarebbe in trattative informali con alcune investment bank, per esplorare un aumento di capitale, nel caso in cui fosse costretta a raccogliere nuovi fondi a causa delle multe che deve versare.

Un’altra strada da seguire, segnala Bloomberg, potrebbe essere la vendita di asset tanto che, secondo alcune indiscrezioni del Financial Times, il colosso starebbe valutando anche una Ipo di una quota di minoranza della sua divisione di asset management che, tuttavia, potrebbe non avvenire prima del primo semestre del 2017.

Nel caso di Deutsche Bank il CET 1 ratio, misura patrimoniale attentamente monitorata dalla BCE, è risultata pari al 10,8% alla fine di giugno. La banca ha come target la soglia del 12,5% entro la fine del 2018.

Bloomberg stima che un’operazione di aumento di capitale possa avere un importo tra $4 miliardi e $8 miliardi, a seconda della clemenza che il dipartimento di Giustizia mostrerà di avere verso l’istituto. La speranza è che la multa venga abbassata in modo considerevole. Ma a tal proposito, lo stesso Stuart Graham, amministratore delegato di Autonomous, ha scritto in una nota che, anche se Deutsche Bank dovesse pagare $5,6 miliardi (e non $14 miliardi attualmente richiesti) al dipartimento di Giustizia, oltre ai $2,5 miliardi per la causa in corso di riciclaggio di denaro, le commissioni sarebbero tali da provocare un maxi buco di bilancio di ben 9,5 miliardi di euro.  Insomma, nessuna opzione al momento sembra attraente.