Crollo fiducia nel Quirinale. Effetto Monti

24 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Cresce la delusione degli italiani nei confronti delle istituzioni. Il grado di sfiducia passa dal 71,6% del 2012 al 73,2% di quest’anno: crolla il Quirinale, calano governo e Parlamento, torna a crescere la magistratura, mentre rimane sempre alta la fiducia per forze dell’ordine e volontariato.

Sorpasso ‘storico’ della Forestale sui Carabinieri. E’ quanto emerge dalla sezione sulla ‘misurazione del livello di fiducia dei cittadini nei confronti delle Istituzioni’ inserita nel Rapporto Italia 2013 dell’Eurispes, che sarà presentato dal presidente Gian Maria Fara giovedì 31 gennaio (alle 11 alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma).

QUIRINALE, GIÙ DI QUASI 18 PUNTI: EFFETTO MONTI? – Il dato sicuramente più preoccupante è quello sulla fiducia degli italiani nel Capo dello Stato, da sempre considerato punto di riferimento, soprattutto nei momenti più difficili e confusi come quello attuale.

La fiducia degli italiani nei confronti del presidente della Repubblica è in netto calo e fa registrare quest’anno il 44,7% di fiduciosi (il 19,3% ‘molto’ e il 25,4% ‘abbastanza’), contro il 62,1% dello scorso anno. La sensazione dei ricercatori dell’Eurispes è che tale risultato possa essere, in buona parte, attribuito al sostegno dato al governo Monti.

GOVERNO: GLI ITALIANI BOCCIANO I PROVVEDIMENTI ‘LACRIME E SANGUE’ – Ai provvedimenti ‘lacrime e sangue’ del Governo gli italiani hanno risposto con un aumento di sfiducia, che passa dal 76,4% dello scorso anno all’82,8% (+6,4%) e segna un ritorno ai livelli del 2011 (84,2%). In parallelo cala anche il dato del consenso che passa dal 21,1% del 2012 all’attuale 15,9%. Il trend di sfiducia nei confronti dei governi che si sono susseguiti dal 2004 all’ultimo anno non si è d’altronde mai invertito e il grado di fiducia è rimasto sempre al di sotto del 35%.

PARLAMENTO IN INESORABILE DECLINO – Come registrato per il Governo, la fiducia degli italiani nei confronti del Parlamento mantiene un andamento in negativo raccogliendo l’89,7% degli sfiduciati, in costante aumento rispetto agli anni scorsi: erano l’88,2% degli intervistati nel 2012 e l’83,4% nel 2011. Stesso andamento per la quota, assolutamente minoritaria, di quanti si dichiarano invece fiduciosi: quest’anno sono il 9%, nel 2012 erano il 9,5% e nel 2011 invece arrivavano al 15%.

LA MAGISTRATURA TORNA A CRESCERE – Dopo il calo dei consensi dello scorso anno, il livello di fiducia nei confronti della magistratura torna a crescere. Più di 4 cittadini italiani su 10, il 42%, mostra fiducia nell’operato di questa Istituzione (12,5% molta fiducia; 29,5% abbastanza fiducia). Era al 36,8% nel 2012. (TMNEWS)