Criptovalute, al vaglio dell’Europarlamento il regolamento MiCa

10 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

L’Unione Europea negli ultimi due anni sta studiando una regolamentazione delle criptovalute. Uno degli aspetti più cruciali di questo regolamento è stato il framework Markets in Crypto Assets, noto anche come MiCA.

Via libera al MiCA

La regolamentazione degli asset digitali in Europa potrebbe diventare realtà dopo che il Consiglio europeo ha deciso di procedere nella questione. Come da una nota del 5 ottobre, la commissione dei rappresentanti permanenti del Consiglio ha approvato e inviato il testo del MiCA alla commissione parlamentare per i problemi economici e monetari.

Secondo il presidente del comitato dei rappresentanti permanenti, il quadro MiCA entrerebbe in vigore “se il Parlamento adottasse la sua posizione in prima lettura”. Il MiCA ha incontrato sentimenti contrastanti sin dalla sua introduzione nel 2020; la proposta è incentrata sulla costruzione di un quadro normativo uniforme per tutti gli Stati membri dell’Ue. La proposta del MiCA ha giustificato la sua approvazione affermando:

“La mancanza di un quadro generale dell’Unione per le criptovalute può portare a una mancanza di fiducia degli utenti in tali risorse, che potrebbe ostacolare in modo significativo lo sviluppo di un mercato in tali risorse”.

Se il Parlamento l’approvasse alla riunione di oggi, il MiCA entrerebbe in vigore dal 2024 .

I membri del Parlamento europeo la scorsa settimana hanno votato una risoluzione non vincolante che renderebbe le criptovalute un bene imponibile. Passando con più del 91,3% dei voti, il quadro è stato approvato dai membri.

Inoltre, la risoluzione suggeriva di utilizzare la tecnologia blockchain per rendere più efficiente la riscossione delle tasse. Secondo la risoluzione, sfruttare la tecnologia potrebbe consentire la riscossione delle tasse automatizzata e una maggiore trasparenza, limitando la corruzione.

Se queste politiche dovessero andare in porto, l’industria delle criptovalute potrebbe assistere a un cambiamento nell’Unione Europea. Tuttavia, potrebbe passare del tempo prima che ciò accada.