Crack Cirio, Cragnotti e Geronzi condannati in appello

10 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Sergio Cragnotti è stato condannato in appello per il crack Cirio, a 8 anni e 8 mesi. Condannato anche il banchiere Cesare Geronzi, a 4 anni. In quest’ultimo caso è stata confermata la sentenza di primo grado.

Il genero di Cragnotti, Filippo Fucile, ha avuto tre anni e 10 mesi; 2 anni e 4 mesi il figlio Andrea Cragnotti. Gli altri eredi Massimo e Elisabetta Cragnotti hanno tratto vantaggio della prescrizione e sono stati assolti. Confermate anche le altre assoluzioni che erano state decise in primo grado per altri dirigenti di banca.

I giudici di appello hanno anche confermato le assoluzioni stabilite in primo grado per diversi funzionari e dirigenti di banca.