Crac Lehman Brothers: sette anni dopo nulla è cambiato. “Sprecata occasione unica”

14 Settembre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Anniversario amaro per la finanza mondiale: sono passati sette anni esatti dal crack della Lehman. Da allora cosa è cambiato? “Niente” sostiene Steen Jakobsen, capo economista presso Saxo Bank.

“Non abbiamo imparato nulla dalla storia. Il Debito ha sostituito la produttività. Oggi le banche hanno regole più severe, ma ricevono anche “denaro gratis” dalle banche centrali come mai è successo prima”, scrive l’economista in una nota, aggiungendo che quella di “Lehman avrebbe potuto essere una “vera crisi” a cui avrebbe potuto seguire una vera e propria inversione di tendenza. Invece, “abbiamo sprecato tempo visto che l’economia e la società sono ad un punto morto”.

A conferma della sua teoria, Jakobsen prende l’esempio del Vecchio Continente. “Le elezioni in tutta Europa ci stanno dimostrando come il tessuto sociale sia sotto attacco, e la mancanza di posti di lavoro, di innovazione e di crescita siano il risultato finale di questo esperimento inutile”.

Non andranno meglio i prossimi sette anni, periodo durante il quale Jakobsen stima un aumento del costo del capitale e un calo dei mercati azionari. “Quest’ultima – conclude – forse è la sola buona notizia”. (mt)