Coronavirus: le misure lanciate dalle compagnie di assicurazione

6 Marzo 2020, di Alessandra Caparello

Da Reale a Cattolica fino a Generali. Le compagnie assicurative italiane si muovono per far fronte all’emergenza coronavirus che sta interessando il nostro paese, attuando diverse misure. Vediamole nel dettaglio.

Le misure previste da Real Group

Partendo da Reale, la compagnia informa che la patologia del Coronavirus COVID-19 è coperta da tutti i prodotti relativi all’offerta Salute e Protection, Temporanee Caso Morte e Long Term Care. Così Reale Group ha reso operativi gli interventi a favore degli abitanti delle zone rosse e, in generale, dei propri assicurati.

Nel dettaglio, a tutti gli Assicurati di Reale Mutua e di Italiana Assicurazioni, già beneficiari di coperture che prevedono l’indennità giornaliera da ricovero ospedaliero, viene estesa l’operatività di tale garanzia anche nel caso di quarantena presso la propria abitazione, imposta a seguito di test positivo al tampone COVID-19. Inoltre, a tutti coloro che hanno sottoscritto un prodotto Salute nella forma a vita intera, le Compagnie di Reale Group offrono, senza costi aggiuntivi, un indennizzo pari al 15% del capitale assicurato, nel caso in cui necessitino di terapia intensiva a seguito di contagio.

Inoltre è stato poi ampliato gratuitamente a beneficio di circa 130.000 Clienti, appartenenti alle principali collettività assicurate dal Gruppo, il servizio di consulenza medica di Blue Assistance, operativo h24 e fruibile tramite numero verde dedicato. Sospeso per un periodo di tre mesi il pagamento delle rate dei finanziamenti in corso per tutti i Clienti delle zone rosse. Inoltre, Banca Reale dà la possibilità, alle piccole e medie imprese assicurate con Reale Mutua e Italiana Assicurazioni, di usufruire di un finanziamento a tasso zero per il rinnovo delle polizze. Reale Mutua e Italiana Assicurazioni garantiscono inoltre agli assicurati residenti nelle zone rosse, ulteriori proroghe alle tempistiche di pagamento dei premi.

Cattolica lancia la polizza per proteggere gli esercizi commerciali

A risentire della situazione anche gli esercizi commerciali costretti per provvedimento d’urgenza delle Autorità a chiusura obbligatoria e misure restrittive imposte dalla minaccia dell’epidemia. Per loro Cattolica Assicurazioni ha lanciato sul mercato italiano la nuova polizza “Active Business NONStop” realizzata per far fronte alle conseguenze della diffusione del virus COVID-19. Con la polizza “Active Business NONStop”, in distribuzione presso le agenzie Cattolica e TUA e di durata annuale, garantisce un supporto immediato di 1.000 euro al giorno per un massimo di 15 giorni in caso di chiusura decretata dalle autorità.

Generali e Alleanza: le misure per famiglie e imprenditori

Si muovono in tal senso anche Generali e Alleanza. Per tutti i clienti di Generali Italia, che hanno sottoscritto Immagina Benessere – nella soluzione che prevede l’indennizzo forfettario per intervento chirurgico – in caso di ricovero in terapia intensiva, all’esito di accertata diagnosi da Covid-19, sarà riconosciuto un indennizzo pari al 10% del capitale assicurato. Lo stesso servizio è offerto dalla soluzione Grandi Cure della polizza Semplice di Alleanza Assicurazioni. Inoltre, per le diagnosi accertate da Covid-19, le due Compagnie già offrono la diaria giornaliera per ricovero ospedaliero e convalescenza. Sul fronte imprese, per tutti gli assicurati di Generali Italia con polizze Commercio in corso, che prevedono la diaria di interruzione d’esercizio, è stata prevista, per un periodo di tre mesi, l’estensione gratuita della copertura nel caso di chiusura totale degli esercizi commerciali operanti nei territori disposta dall’Autorità, come misura di prevenzione Covid-19.