Coronavirus: Germania blocca le mascherine per l’Italia. Cina invia materiale e medici

13 Marzo 2020, di Alessandra Caparello

Ventilatori, materiali respiratori, elettrocardiografi, decine di migliaia di mascherine e altri dispositivi sanitari sono arrivati oggi in Italia mittente Cina. L’Airbus A-350 della China Eastern proveniente da Shanghai con a bordo un carico di aiuti per far fronte all’emergenza Covid 19 è arrivato ieri sera a Fiumicino. Insieme alle attrezzature è arrivata dalla Cina anche una task-force di 9 medici specializzati che hanno gestito la crisi coronavirus.

Dalla Cina aiuti, dall’Ue un blocco

La Cina dà una grande mano all’Italia mentre chi è vicino a noi ci volta le spalle. L’esempio arriva dalla Germania che ha deciso per il blocco all’export delle mascherine e degli altri dispositivi di protezione, guanti, mascherine, occhiali, tute. La Commissione europea si è detta pronta a lanciare una procedura di infrazione con iter accelerato nei confronti della Germania proprio per il blocco all’export delle mascherine e degli altri dispositivi di protezione.

Provvedimenti simili sono stati decisi dai governi di Bulgaria, Repubblica Ceca e Polonia, e contro cui si è mossa la Commissione europea.

Non in questo modo così restrittivo ma anche la Francia ha in un certo senso voltato le spalle all’Italia. Il governo di Emmanuel Macron ha deciso di confiscare tutto il materiale di protezione, impedendo così ai produttori la libera vendita. Per evitare che tale decisione si traduca in un blocco dell’export, Bruxelles ha chiesto al governo di specificare che  in caso di necessità il materiale potrà andare verso i Paesi che ne hanno bisogno senza alcuna restrizione.

In tema mascherine e dispositivi di protezione, il presidente Giuseppe Conte a Palazzo Chigi ha tenuto una videoconferenza a Palazzo Chigi con sindacati e associazioni industriali comunicando che nei prossimi giorni verranno distribuite  gratuitamente a tutti i lavoratori dispositivi di protezione individuale.