Contro il caro bollette: come riscaldare casa senza gas

23 Ottobre 2022, di Pierpaolo Molinengo

Per difendersi dal caro bollette, è possibile riscaldare casa senza ricorrere all’uso del gas? I consumatori sono alla ricerca di sistemi e soluzioni per contenere al massimo i consumi e risparmiare sulle utenze. La risposta alla domanda iniziale è affermativa: sì, è possibile risparmiare. 

L’inverno a cavallo tra il 2022 ed il 2023 sarà freddo, e non solo perché le temperature scenderanno, per ovvi motivi stagionali. Il caro bollette e il costo del gas faranno lievitare la spesa che le famiglie devono sostenere per il riscaldamento. Ma il freddo condizionerà la temperatura di casa anche a seguito dei limiti che sono stati imposti a livello nazionale e regionale nelle ore in cui è possibile accendere i termosifoni. La domanda a questo punto è molto semplice: per difendersi dal caro bollette, è possibile riscaldare casa senza utilizzare il gas e senza spendere nulla?

Come difendersi dal caro bollette

Dare una risposta alla domanda precedente non è assolutamente facile. Non è possibile tenere calda la propria abitazione senza spendere proprio niente. È possibile, invece, trovare alcune soluzioni per abbattere il più possibile i costi: uno dei più semplici è quello di evitare il più possibile gli spifferi d’aria ed evitare di disperdere il calore che è presente all’interno delle varie camere. Purtroppo i vari metodi per riscaldare la propria abitazione hanno un costo, che quest’anno è destinato a lievitare.

Una delle soluzioni che si possono adottare per riscaldare una stanza, avendo a disposizione un budget non particolarmente alto, è l’utilizzo di lampade e stufe a infrarossi o di termosifoni portatili, i quali riescono a funzionare grazie ad una resistenza elettrica.

Per riuscire a risparmiare, comunque, con un budget particolarmente basso, è necessario utilizzare dei rimedi che scaldano di meno, ma il cui scopo è quello di evitare che la stanza si raffreddi e si eviti di dover accendere il riscaldamento. In questo modo si tenta di trovare un giusto compromesso tra la quantità di calore necessaria per tenere calda la stanza e il risparmio del gas.

Come riscaldare la casa senza gas

Nel momento in cui si parla di soluzioni a basso costo, non si intende necessariamente quelle a costo zero. Come abbiamo accennato in precedenza, non è possibile riscaldare casa senza spendere niente, ma è possibile migliorare il sistema di riscaldamento, in modo da ridurre il più possibile le dispersioni di calore.

Una delle strade che si possono percorrere per ridurre il caro bollette è quello di utilizzare una stufa a pellet. Con un investimento iniziale, che può essere calmierato utilizzando alcuni bonus, è possibile acquistare un sistema di riscaldamento che permette di risparmiare parecchio. In questi ultimi mesi il costo del pellet sta aumentando, anche se di meno rispetto a qualche mese fa. Quello a cui i consumatori devono prestare attenzione sono le offerte di pellet al triplo della cifra che si pagava fino allo scorso anno: il rischio è quello di acquistare un prodotto di bassa qualità, con una resa peggiore solo per risparmiare sul costo

Una delle alternative per risparmiare sul costo del gas è quello di puntare su lampade e stufe infrarosse, che possono emettere calore sotto forma di radiazione. Questo tipo di soluzione può servire a riscaldare una stanza velocemente. In questo caso si dovrà affrontare una spesa nel momento dell’acquisto e sulla bolletta della corrente elettrica. Ci sono delle lampade o stufe che consumano poco, ma migliore è la resa del prodotto e maggiore sarà il costo dell’investimento iniziale. Una stufa a infrarossi può arrivare a costare intorno ai 20 euro, ma quelle migliori possono arrivare a costare sui 50-50 euro.

Un’altra soluzione per risparmiare è il quadro o parete riscaldante: stiamo parlando di stufe che funzionano tramite un pannello radiante ad infrarossi. In questo caso il costo dipende dalla grandezza della parete: la media si aggira intorno ai 100-150 euro.