Conti senza segreti per il fisco

2 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Con l’attuazione del decreto legislativo 201/2011, si può dire addio al segreto bancario. Infatti da lunedi scorso tutte le banche, poste, Sim e gli istituti finanziari in generale,sono chiamati a comunicare all’Agenzia delle Entrate, oltre gli identificativi dei clienti iscritti presenti presso il proprio istituto, anche tutta l’informazione finanziaria e contabile che li riguarda.

Saranno oggetto di censimento, attraverso un sistema telematico sicuro chiamato SID, tutti i tipi di rapporti bancari e finanziari intrattenuti, dai conti correnti, ai conti deposito, depositi titoli, fondo pensione, buoni fruttiferi, derivati, carte di credito, compravendita di oro, persino il contenuto delle cassette di sicurezza, e il numero di volte che si è avuto accesso durante l’anno.

Inoltre per ciascun rapporto dovrà essere trasmesso il saldo iniziale e finale, oltre al numero di movimentazione totali in dare ed avere effettuate durante ciascun esercizio.

In particolare entro il 31 Ottobre 2013 dovranno essere trasmessi i dati contabili dell’anno 2011; per marzo 2014 si attendono i dati del 2012, mentre per ottobre dello stesso anno verranno trasmessi quelli relativi al 2013.; a regime le informazioni verranno fornite entro il 20 aprile di ciascun anno.
Le informazioni raccolte attraverso l’anagrafe tributaria aiuterà il fisco ad individuare le liste di contribuenti a maggior rischio di evasione; si parte dall’ esaminare tutti i movimenti in uscita, tra cui pagamenti con bancomat o carte di credito, addebiti sul conto, prelevamenti in contanti, in modo da determinare la mole di spese sostenute dal contribuente, quest’ultima verrà confrontata con gli accrediti sul conto, e se le entrate risulteranno essere superiori alla dichiarazione dei redditi, l’amministrazione procederà ad effettuare gli opportuni accertamenti, al fine di indagare se le spese sostenute siano compatibili con il reddito dichiarato e gli incassi emersi.

L’augurio è che questo strumento si riveli un sostegno efficace per stanare gli infedeli del fisco e non un ulteriore vessazione per chi le tasse le paga regolarmente, costringendo quest’ultimi, se coinvolti in un accertamento fiscale, ad andare alla ricerca di prove e spiegazioni inconfutabili che giustifichino i movimenti in entrata e in uscita sul proprio conto.

Intanto da un’indagine condotta sui profili commissionali dei principali istituiti bancari (Unicredit, Intesanapaolo, MpS, Bnl), è emerso che il costo dei conti correnti è sempre più salato per chi effettua le operazioni allo sportello. In particolare il costo di un bonifico per cassa può arrivare anche a 8 euro, le commissioni per il rid, al fine di addebitare le utenze in conto, possono raggiungere una spesa massima di 4 euro; per pagare le rate dell’affitto in contanti si può andare incontro, invece ad una esborso, nei casi più onerosi, di 5 euro; se si adempie al pagamento di tasse in banca, l’Imu ad esempio, il costo medio del servizio è di circa 7.10 euro.

Per quanto riguarda il canone del conto in media può comportare un onere di 72 euro l’anno, ad essere beffati però sono i vecchi clienti per i quali il conto corrente può costare anche il 40% in più; infatti per i conti con un’ anzianità che va oltre 10 anni, il costo annuale può aggirarsi intorno ai 100 euro.

Essere fedeli clienti di una banca non premia, di conseguenza per riuscire a spuntare condizioni migliori occorre tenere sotto controllo i costi del proprio conto, informarsi circa nuove offerte promozionali, confrontarle tra di loro, ed essere disponibili al cambiamento orientandosi verso quei prodotti che risultano economicamente più convenienti.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Sos Trader – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Sos Trader. All rights reserved