Con Grexit, la dracma si svaluterebbe fino a -50%

30 Giugno 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Grecia nel caos. Mentre il premier greco Alexis Tsipras afferma che l’Eurozona non può cacciare la Grecia dall’euro, mentre torna la speranza sulla ripresa di nuove trattative tra Atene e i creditori, si intensificano i rumor sul futuro del paese. E qualcuno, come Harry Theoharis, parlamentare appartenente al partito pro-europeo Potami, scrive anche un tweet, secondo cui ci sarebbe già un piano dell’Ufficio di Contabilità generale greco per reintrodurre la dracma.

Furioso il governo, che ha negato l’esistenza di una bozza, e che in un comunicato ha definito la dichiarazione “un monumento alla irresponsabilità”.

Detto questo, un articolo di Bloomberg spiega cosa accadrebbe se davvero lo scenario Grexit si concretizzasse e se si tornasse alla dracma.

Il potere di acquisto dei cittadini greci, spiega l’articolo, subirebbe una drastica e drammatica riduzione, fino a -50%, stando a quanto ha riportato un analista dei tre intervistati.

“Inizialmente, ci sarebbe un massiccio sell off, qualcosa come un calo fino a 30-40% rispetto al dollaro – ha commentato Neil Jones, responsabile del dipartimento di vendite hedge fund presso Mizuho Bank, a Londra – la dracma scivolerebbe ai minimi di tutti i tempi”.

Insieme agli analisti di ING Groep e di Credit Agricole, Jones non crede che uno scenario Grexit sia il più probabile.

Detto questo, gli esperti hanno iniziato a studiare quale sarebbe il valore della dracma, se la Grecia dovesse uscire dall’euro.

“Tra le ragioni per cui crediamo che i greci vogliono rimanere nell’euro, e che alla fine così sarà, c’è il pesante sacrificio che l’economia dovrebbe pagare, in caso di Grexit”, ha commentato Valentin Marinov, responsabile della divisione di ricerca sul valutario di Credit Agricole, presso l’unità corporate e di investment banking di Londra.

Chris Turner, responsabile della divisione di strategia valutaria di ING a Londra, si trova d’accordo con Jones e Marinov, sul fatto che l’addio della Grecia all’euro non è lo scenario più probabile.

“Alla luce di un’uscita dall’Unione monetaria europea, penso che l’attesa di un deprezzamento -50% appaia appropriato”. (Lna)

“Se Atene torna alla dracma, conseguenze da tragedia greca”

Grecia non sarà come l’Argentina. Sarà molto peggio

Fonte: Bloomberg: Reverting to Drachma May Send Greek Currency at Least 40% Lower