COMPUTER, SOFTWARE E INTERNET IN FORTE RIBASSO

5 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

L’indice Nasdaq non vuole sentire cattive notizie, soprattutto oggi, peeche’ il clima e’ gia abbastanza negativo.

Cosi’ quando BMC Software (BMCS), produttore di software per management, ha lanciato l’allarme sugli utili del terzo trimestre, il mercato ha reagito molto male e il titolo ha cominciato a scendere.

Proprio nei primi minuti di contrattazioni BMC Software ha perso 20 punti, una variazione negativa del 26%. Ma il prosieguo della mattinata non ha migliorato la situazione.

Alle 11:30 il titolo era in ribasso di 28 dollari a 49,00: una perdita del 36,36%.

La societa’ aveva previsto utili di 53 centesimi ad azione, ma l’ultimo trimestre sembra invece aver portato invece profitti complessivi di ”solo” 100-110 milioni di dollari, cioe’ 40-44 centesimi ad azione, a causa di risultati inferiori alle aspettative in nord America.

La reazione degli operatori alle notizie riguardanti (BMCS) – un’azienda che vende oltre 200 programmi di software che accelerano le banche dati e riducono lo stallo dei computer – hanno influenzato negativa mente anche altri titoli legati a software e Internet, anche perche’ BMC Software e’ considerata una benchmark del settore.

Oracle Corp. (ORCL), la societa’ leader nella produzione di software, ha iniziato anch’essa la mattina in profondo rosso e ha continuato poi a scendere, raggiungendo a meta’ mattina 99,75 punti, una perdita di oltre il 7%, dopo aver raggiunto il minimo di 96 dollari. Compuware Corp. (CPWR) veniva trattata alle 11:30 a 32,81, un calo del 6,25%, con un minimo poco sopra i 30; e Sun Microsystem (SUNW) e’ finita al di sotto dei 69 dollari, una perdita del 4,21%.

Microsoft Corp. (MSFT) rimane invece in area 110 dollari, in calo dell’1,83%.

Nel settore Internet, America Online non sta andando meglio, a 74,81, in calo del 2,77%; Yahoo (YHOO) perde 32 punti, mentre molti titoli del settore informatico, quali Intel Corp. (INTC) che e’ in calo dello 0,68% a poco piu’ di 82 dollari, seguono a ruota, con cali pronunciati soprattutto per Compaq (CPQ).