Compton diventa la quarta citta’ californiana sull’orlo del crack

19 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Questa settimana Compton e’ diventata la quarta citta’ californiana in ordine di tempo a trovarsi sull’orlo della bancarotta. Come nei casti di Stanton e San Bernardino, sono le dubbie pratiche finanziarie a destare sospetti.

I funzionari comunali hanno annunciato che Compton potrebbe finire le risorse finanziarie entro la fine dell’estate: il consiglio ha $3 milioni rimasti in banca dovendo far fronte a $5 milioni in debiti.

Un problema a lungo termine e’ il deficit da $43 milioni che la citta’ ha accumulato dopo ani di sprechi in acqua, canali di drenaggio e fondi pensione. Compton dovra’ restituire i soldi in un momento in cui non ha fondi e sta cercando in tutti i modi di ridurre le spese.

La situazione e’ molto simile a quella di San Bernardino, che la settiamna scorsa ha deciso di fare ricorso al Chapter 9. Prima avevano fatto la stessa fine, autorizzando l’amministrazione controllata, anche Stockton, la citta’ della corsa all’oro da 392 mila abitanti situata nella parte orientale di San Francisco – la piu’ grande citta’ Usa della storia a fare crack – e Mammoth Lakes, un luogo di villeggiatura di montagna che conta 8.200 abitanti. Di cittadini Compton ne contava 96.455 nel 2010.