Coinbase, il Ceo ha venduto azioni per 291 milioni nel debutto in Borsa

19 Aprile 2021, di Alberto Battaglia

Nel corso della prima giornata di negoziazione di Coinbase sul Nasdaq il ceo della società, Brian Armstrong, ha venduto azioni per un valore di 291,8 milioni di dollari. E’ quanto si apprende dalle dichiarazioni rese alla Sec.
Armstrong lo scorso 14 aprile ha venduto tre differenti pacchetti di azioni, a prezzi che oscillano fra i 381 e i 410 dollari; al momento (19 aprile) il titolo Coinbase è quotato a 329 dollari rispetto al prezzo di listino di 250 dollari.

Ricordiamo che lo sbarco in borsa della piattaforma di scambio di criptovalute è avvenuto attraverso la modalità del direct listing, che non prevede l’offerta di azioni di nuova emissione, al contrario dell’Ipo.
Per tale ragione gli azionisti di Coinbase hanno messo sul mercato parte delle proprie quote, con una vendita del valore di circa 5 miliardi di dollari. Ad oggi quella di Coinbase risulta la quotazione in direct listing più grande mai effettuata.

Coinbase, il titolo dopo i primi giorni di trading

Le azioni del popolare exchange di cripotovalute sono in calo del 3,77% in questo lunedì che segue un weekend particolarmente duro per il Bitcoin, che è arrivato a perdere l’11% nella solo giornata di ieri.
Si ritiene che le sorti del titolo Coinbase avranno una forte correlazione con l’andamento delle criptovalute. Il valore attuale per le azioni della società, tuttavia, sono pressoché in linea con la chiusura della prima giornata di trading (328,28 dollari); la capitalizzazione di mercato della società si attesta a 64,78 miliardi di dollari.
Nel momento in cui le azioni Coinbase avevano raggiunto il loro massimo, a 429,54 dollari nel corso della prima giornata di scambi, la capitalizzazione era arrivata a quota 112 miliardi di dollari, superando – per un breve momento – anche le più rosee previsioni.

In questo momento il Bitcoin si trova in calo dello 0,29% a 55.454,47 dollari (quotazione CoinDesk); si tratta di un ribasso del -14,84% rispetto ai massimi storici toccati lo scorso 14 aprile, proprio in concomitanza con la quotazione di Coinbase sul Nasdaq.