Cofferati: nel Pd c’è una deriva autoritaria

24 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’eurodeputato Sergio Cofferati ha le idee chiare su quanto sta accadendo all’interno del Pd. Intervistato nel corso della trasmissione Agorà, su Rai 3, dal giornalista Gerardo Greco, alla domanda: “C’è una deriva autoritaria nel Pd?”, Cofferati risponde: “Sì, c’è una discussione che è stata più volta limitata, c’è un’opinione delle minoranze che non sempre viene presa in considerazione”.

“Dentro un partito la dialettica è fondamentale, bisogna sapersi ascoltare. Questo vale anche per il governo: penso che il rapporto tra esecutivo e parti sociali sia profondamente sbagliato. Bisognerebbe avere attenzione, oltre che rispetto, per le opinioni di chi rappresenta degli interessi, esattamente come di chi ha un’opinione diversa dalla tua all’interno del tuo partito. Bisognerebbe fare molto di più”.

“Ogni tanto bisogna fare la fatica di ascoltare. Non mi sembra che dentro il Pd ci sia questa volontà, o almeno che sia presente sempre”.

Cofferati ha precisato inoltre: “Non correrò alle elezioni regionali, resto fermo sulla decisione che ho preso all’epoca. Non ce ne sarebbe ragione”.