Co-working, è la soluzione per lo smartworking?

17 Agosto 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il termine ormai comune “lavoro da casa” smentisce un fenomeno importante nell’economia odierna: molte persone, quando viene data la possibilità di lavorare da remoto, in realtà lavorano da qualche altra parte. 

Prima della pandemia, la maggior parte delle persone non poteva scegliere dove lavorare. Ora, la narrativa popolare è che molte persone dividono le loro ore di lavoro esattamente tra due luoghi: un posto di lavoro fornito dal datore di lavoro o l’ufficio a casa, sia che si tratti di un raffinato salone con libri specifici di mille pagine o dell’umile divano del soggiorno.

Le persone in tutto il paese stanno infatti scegliendo un’ampia varietà di luoghi per rispondere alle chiamate Zoom e rispondere alle e-mail, tra cui case di amici, caffetterie, biblioteche, centri comunitari e spazi di co-working. 

Al giorno d’oggi, il fenomeno è in gran parte guidato dalle preferenze individuali come la necessità di una migliore connessione wi-fi o di un ambiente di lavoro più social. Ma uno sforzo coordinato da parte di datori di lavoro, promotori immobiliari, servizi di trasporto ed enti pubblici potrebbe trasformare l’ascesa del “lavoro vicino a casa” in un felice compromesso tra il ritorno in ufficio e il lavoro da casa, bilanciando i benefici ambientali e individuali del lavoro a distanza. lavorare con i benefici sociali ed economici fortuiti delle interazioni faccia a faccia.

I ricercatori di Stanford, dell’Università di Chicago, dell’Instituto Tecnológico Autonomo de México e del MIT hanno scoperto che più di un terzo di tutte le ore remote ora vengono trascorse in un luogo diverso da casa . Si tratta di “terzi posti“, un termine usato in sociologia per rappresentare luoghi non lavorativi e non domestici.

Alcuni luoghi terzi, come biblioteche e caffè , sono stati progettati per fungere da potenziali luoghi di lavoro prima della pandemia. Altri hanno adattato gli spazi esistenti per il nuovo boom del lavoro a distanza. Gli hotel hanno recentemente iniziato a offrire la prenotazione solo diurna di stanze libere per i lavoratori remoti locali. In Giappone, sale karaoke stanno promuovendo i loro piccoli salotti insonorizzati come il luogo perfetto per le videoconferenze.

Il lavoro a distanza e il terzo posto

Uomini e donne scelgono nel complesso quantità simili di lavoro a distanza, ma è molto più probabile che gli uomini frequentino i terzi spazi rispetto alle donne. Una spiegazione potrebbe essere l’onere sproporzionato delle attività di manutenzione domestica e dell’assistenza all’infanzia affrontate dalle donne, entrambe più facili da inserire tra le riunioni Zoom se lavorano a casa.  L’uso del terzo posto potrebbe anche dipendere dalle condizioni meteorologiche; i lavoratori a distanza in Texas e California avevano maggiori probabilità di utilizzare i terzi posti a novembre e dicembre del 2021 rispetto a quelli del Massachusetts.

Lavoro a distanza: confronto di genere

Cosa incentiva le persone a lasciare la comodità delle loro case e a viaggiare in luoghi terzi? Alcune case non sono adatte per il lavoro a distanza. I terzi posti possono portare vantaggi che superano l’inconveniente di vestirsi e uscire. Il bar del quartiere ha sedie comode e un’ottima playlist dove si possono fare nuove conoscenze, oppure lo spazio di co-working locale è facilmente accessibile e dispone di una sala tranquilla per effettuare chiamate in conferenza.

L’ascesa dei terzi posti come luoghi di lavoro a distanza potrebbe avere un profondo impatto sulla domanda di spazio urbano. Gli spazi di co-working iniziano già a concentrarsi maggiormente sulle aree suburbane dove possono essere accessibili più facilmente da gran parte della forza lavoro remota.
Il collegamento dei quartieri residenziali con i centri suburbani tramite il trasporto pubblico, a piedi e in bicicletta incoraggerà modalità di viaggio sostenibili per i pendolari in un terzo luogo. La sostituzione di viaggi pendolari più lunghi con viaggi più brevi o senza auto ridurrebbe il traffico autostradale e le emissioni di gas serra, un fulcro dei piani di mitigazione del cambiamento climatico. È più probabile che le persone facciano viaggi discrezionali in diversi centri di quartiere, aumentando la domanda di mercati locali, negozi al dettaglio e banchi di panini e realizzando il sogno urbanistico delle “città di 15 minuti”, dove la maggior parte delle attività quotidiane può essere realizzata con una breve passeggiata o in bicicletta giro.

Il modo in cui i datori di lavoro reagiscono all’aumento dei terzi posti resta una questione aperta . I luoghi di lavoro remoti sono in gran parte lasciati alla discrezione del lavoratore, a condizione che non abbiano un effetto evidente sulla produttività o siano in contrasto con le leggi sul lavoro. Ma i datori di lavoro hanno già iniziato a interferire ; molti grandi datori di lavoro stanno sovvenzionando abbonamenti di co-working per i dipendenti, forse per influenzare le loro decisioni sulla posizione di lavoro a distanza. I terzi posti offrono opportunità di “collisioni creative” che possono in definitiva migliorare la produttività e il morale.

Il documento di lavoro del MIT ” Why Working From Home Will Stick “ dimostra che il lavoro da casa sarà effettivamente valido, ma lo sarà anche il lavoro da altri luoghi. I terzi posti sono diventati più popolari solo negli ultimi tempi. Se questo fenomeno alla fine si traduca in dipendenti più felici, scelte di trasporto sostenibili e un’economia più creativa dipenderà dalla risposta delle istituzioni private e pubbliche.
Se i datori di lavoro forniscono la flessibilità necessaria al proprio personale e i responsabili politici si impegnano nell’uso intelligente del territorio e nella pianificazione dei trasporti per i viaggi del terzo posto, il risultato potrebbe essere un raro vantaggio per tutti i lavoratori, le imprese e il bene pubblico.