Climate change rischia di mandare in fumo il 3% del Pil mondiale

20 Novembre 2019, di Mariangela Tessa

Il cambiamenti climatici rischiano di mandare in fumo il 3% della crescita mondiale nei prossimi trent’anni. Tradotto in numeri assoluti, si tratta di 7,9 mila miliardi del Pil mondiale destinato a scomparire entro il 2050.

È quanto riporta uno studio condotto dall’Economist Intelligence Unit, dal quale emerge che saranno l’Africa (4,7%), il Sud America (3,8%) e il Medio Oriente (3,7%) le tre aree più colpite dall’aumento delle temperature medie. Niente di buono in vista per l’Europa, che lascerà sul terreno l’1,7% del Pil.

Più contenuti gli effetti negli Usa

Anche gli Stati Uniti, la più grande economia del mondo, non riusciranno ad evitare gli effetti negatici dei cambiamenti climatici, anche se saranno più contenuti rispetto alle altre principali aree. Nello stesso arco temporale, secondo le previsioni sopportate nello studio, l’economia a stelle e strisce potrebbe rallentare di oltre l’1%.

Un allarme era già stato lanciato la scorsa estate dal National Bureau of Economic Research, che aveva  sottolineato in agosto che la crescita pro capite negli Stati Uniti potrebbe ridursi del 10,5% nei prossimi 81 anni, in previsione di temperature più elevate in tutto il mondo.

“Il modello di cambiamento climatico dell’EIU calcola che entro il 2050, l’economia degli Stati Uniti sarà dell’1,1% più piccola di quanto non sarebbe stata in assenza di cambiamenti climatici”, afferma il rapporto. “I recenti eventi negli Stati Uniti hanno dimostrato le gravi vulnerabilità che esistono anche nelle principali economie sviluppate”, si legge nel report in cui si menziona la maggiore frequenza e intensità degli incendi che hanno comlpito negli ultimi anni la California.

L’anno scorso, un rapporto del governo degli Stati Uniti affermava che i cambiamenti climatici sarebbero costati miliardi di dollari all’economia degli Stati Uniti.

Il report, diffuso oggi, arriva pochi giorni prima della prossima conferenza dei cambiamenti climatici delle Nazioni Unite. La 25esima conferenza delle parti contraenti dell’Unfccc, la cop25, appunto, avrà luogo dunque a Madrid dal 2 al 13 dicembre prossimi.