Cinesi chiusi in casa: allerta per i livelli di smog nell’aria

16 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Nelle ultime 12 ore i livelli di smog a Pechino hanno superato la soglia di allerta.

L’allarme ha portato le autorità a lanciare questo messaggio alla nazione: “Pechino avverte i residenti di evitare attività all’aperto a causa di una ‘intensa’ aria inquinata”.

Non è la prima volta che Pechino e altre parti della Cina si trovano in questa situazione drammatica.

Basti pensare che un livello appena pericoloso è considerato 500 e, nelle scorse ore, si è raggiunto un picco di 613.

Molti residenti hanno colto il messaggio e infatti in varie parti della città le strade sono rimaste deserte.
[ARTICLEIMAGE]
La mossa delle autorità è molto cinica. La decisione è stata presa per difendere l’immagine del Governo davanti ai problemi dei livelli insostenibili di inquinamento dell’aria che non sembrano fare altro che peggiore, nonostante le promesse della classe politica.

Nessuno a questo punto – nemmeno i media leali allo Stato – sostengono che la questione sia risolvibile, almeno non nell’immediato.
[ARTICLEIMAGE]
E nessuno, tanto meno la classe media borghese in crescita e vogliosa di acquistare nuove auto, sta dando segno di volersi prendere delle responsabilità per la situazione critica.