Che fine faranno le monete con l’effigie di Elisabetta II?

16 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il ritratto della regina Elisabetta II compare su ciascuna delle 29 miliardi di monete attualmente in circolazione nel Regno Unito, nonché sulle valute dei paesi del Commonwealth, tra cui Australia, Nuova Zelanda e Canada.

Poiché Carlo III è diventato re, le monete con la sua immagine entreranno in circolazione, ma il denaro con l’effigie della regina non sarà gradualmente eliminato. Ne è convinto Dominic Chorney, specialista di monete AH Baldwin & Sons. “Le monete andranno perse nel tempo, ma immagino che ci saranno monete della regina Elisabetta in circolazione per decenni”, ha detto.

Le sterline possono in genere circolare per circa 30 anni senza diventare troppo usurate per l’uso. Prima della decimalizzazione (il processo, avvenuto all’inizio del 1971, che ha visto la sterlina passare da denominazioni di sterline, scellini e pence a solo sterline e pence), era normale vedere le immagini dei precedenti monarchi in denaro. Ora, poiché le monete con il ritratto della defunta regina hanno ancora corso legale, non c’è alcun motivo per provare a rimuoverle. “Significa che ci saranno monete del re Carlo III in circolazione con monete della regina Elisabetta II, il che è unico nella storia moderna perché nessuno ricorda di aver visto due monarchi diversi in circolazione”, ha affermato Chorney.

Storia delle immagini sulle monete

L’uso delle immagini del monarca sulle monete è una tradizione che risale a migliaia di anni fa. Simboleggia il potere e garantisce anche una valuta, secondo Chorney. “Ci si può fidare di una valuta se è sostenuta dallo stato”, afferma Chorney, che precisa: “Il simbolo più ovvio dello stato, sin dai tempi dei romani, è l’imperatore, il sovrano, il re”.

Sin dal 1659 alla fine del Protettorato, un’epoca in cui il capo di stato del Regno Unito era Oliver Cromwell, i ritratti dei monarchi sulle monete sono stati posizionati in direzioni opposte a ogni nuova incoronazione.

Quando re Carlo II salì al trono nel 1661, scelse che il suo ritratto fosse rivolto alla sua sinistra: l’opposto di Cromwell, che fece giustiziare suo padre Carlo I. Si dice che la mossa rappresentasse il nuovo monarca che voltava le spalle alla versione repubblicana della Gran Bretagna di Cromwell, e la tradizione continuava ogni volta che un nuovo monarca saliva al trono.

L’unica rottura con la tradizione venne da Edoardo VIII. Le sue monete dovevano essere rivolte allo stesso modo di quelle di suo padre, per catturare il suo lato più lusinghiero, ma poiché abdicò meno di un anno dopo essere diventato re, le sue monete non furono mai emesse. Suo fratello e successore, Giorgio VI, padre di Elisabetta II, scelse di affrontare la via opposta a quella del padre, e così la tradizione fu ripristinata.

Cinque diversi ritratti della regina Elisabetta II sono apparsi sulla moneta britannica da quando è salita al trono nel 1952. Il più recente è stato disegnato da Jody Clark ed è stato il primo ad essere creato esclusivamente da fotografie anzichè da una seduta con la regina.

La Royal Mint, ossia la Zecca del Regno Unito, ha rifiutato di rilasciare anticipazioni sulla nuova moneta da coniare con il ritratto di re Carlo III, ma si è limitata a commentare:

“La Royal Mint ha lavorato con Sua Maestà per tutto il suo regno, descrivendo in dettaglio il suo viaggio da nuova regina a rispettato capo di stato attraverso cinque ritratti di monete e assicurando che ogni nuova moneta del Regno Unito ricevesse il suo personale sigillo di approvazione. La straordinaria eredità del monarca più longevo della Gran Bretagna vivrà per molti anni a venire”.

La Banca d’Inghilterra, che emette banconote del Regno Unito, ha confermato che le banconote con l’immagine della regina continueranno ad avere corso legale e ha affermato che ulteriori aggiornamenti sulla nuova valuta saranno dati “una volta osservato il periodo di lutto”.