Cezeta: la risposta comunista alla Vespa in versione elettrica

20 Settembre 2018, di Alessandra Caparello

Ad Hollywood la Vespa è diventata famosa per il film Vacanze Romane degli anni cinquanta quando Gregory Peck e Audrey Hepburn in sella al famoso scooter della Piaggio scorrazzarono per le vie della Città eterna. Circa dieci anni dopo un produttori di motociclette in Cecoslovacchia creò quella che venne ribattezzata come la risposta comunista al fenomeno dello scooter: il Cezeta.

L’intento era quello di creare un veicolo dal design aerodinamico simile alla Vespa ma il profilo tozzo gli valsero l’appellativo di prase, ossia maiale. Il Cezeta ebbe vita breve e fu prodotto solo dal 1957 al 1964 perchè il governo comunista lo considerava troppo frivolo per percorrere le strade del paese.

Ora il Cezeta, il maiale torna a vivere grazie a Neil Eammon Smith, fondatore di una società con sede a Praga che sta costruendo il nuovo Cezeta  on propulsori elettrici e dal valore di circa 11mila e 600 dollari.

“Ne ho visto uno e me ne sono immediatamente innamorato. E’ eccentrico, inaspettato”.

Così Smith che ha concluso contratti per vendere quasi 50 scooter e ne ha già consegnate due dozzine. Lanno prossimo Smith ha intenzione di vendere lo scooter negli Usa, iniziando dapprima in California, Florida e Texas. Con i suoi due metri di lunghezza, il Cezeta ha una guida molto stabile rispetto alla maggior parte degli scooter. Nel design originale era prevista una specie di gobba tra le gambe del guidatore in cui si poteva inserire la batteria. Non è certamente difficile trovare scooter elettrici cinesi da un prezzo nettamente inferiore, anche 2mila dollari ma Cezeta ha velocità e dimensioni di classe superiori. Possibile concorrente sarà la C Evolution di BMW che costa dai 2mila ai 3mila in più ma è sempre un prodotto di casa BMW.E in Italia la Piaggio pubblicherà la sua prima Vespa elettrica il mese prossimo.