Caso Shalabayeva: Senato respinge mozione sfiducia Alfano

19 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il Senato boccia la mozione di sfiducia al ministro Alfano con 226 voti, 55 sì a mozione sfiducia, 13 gli astenuti. I voti contrari alla mozione sono stati 226; i favorevoli 55, 13 gli astenuti.

I senatori presenti alla votazione sono stati 295, i votanti 294. La maggioranza richiesta era di 148 voti. Contro la mozione hanno votato tutti i gruppi della maggioranza (Pd, Pdl, Scelta Civica, Gal, autonomie); a favore Sel e M5S. Ad astenersi sono stati i senatori della Lega Nord. Alcuni senatori pd in dissenso dal loro gruppo, come Laura Puppato, non hanno partecipato al voto.

“C’era una mozione di sfiducia, è stata respinta, sono soddisfatto”. Risponde così il ministro, lasciando il Senato al termine delle votazioni

”Chiara l’estraneita’ del ministro Alfano, nessuna responsabilita’ oggettiva”, lo ha detto, nel suo intervento al Senato, il premier, Enrico, che ha chiesto una nuova fiducia al Governo: ”Vogliamo continuare e a costruire risposte per questo Paese. Questo ‘no’ consentirà al Governo di lavorare nelle prossime settimane” a provvedimenti sull’Imu e l’Iva, di “risolvere il problema degli esodati” e di “accelerare sul pagamento dei debiti della PA alle imprese”.

“L’espulsione della moglie di Ablyazov e della sua figlioletta è per noi motivo di imbarazzo e discredito”, ha aggiunto Letta, confermando che i vertici del governo, e quindi anche Angelino Alfano, non sapevano e non sono stati coinvolti nella vicenda Ablyazov; la linea è quella della “totale trasparenza”.

Il presidente del Consiglio ha definito, quindi, ”inaudito”, il comportamento ambasciatore Kazakistan.

La senatrice del pd Laura Puppato annuncia che lei ed alcuni altri senatori del pd si asterranno sulla mozione di sfiducia contro Alfano. “Questa non è una mozione di sfiducia al governo ma un singolo ministro. E noi non possiamo votare la fiducia al ministro”, dice in aula

Al via nell’Aula del Senato la discussione della mozione di sfiducia presentata da Movimento 5 Stelle e Sinistra e libertà nei confronti del ministro dell’Interno Angelino Alfano, per la gestione del caso Ablyazov. Gremiti i banchi del governo: il premier Enrico Letta è stato uno dei primi a giungere nell’emiciclo di Palazzo Madama. Alla sua destra il vicepremier e ministro dell’Interno Angelino Alfano.

In Cdm è prevista la nomina del nuovo capo di Gabinetto del ministro dell’Interno. Napolitano definisce inaudito il caso Ablyazov ma blinda il governo Letta. Il Pd non voterà contro Alfano, ma resta il malumore tra i renziani. Mi candiderò a segretario del partito solo se ci saranno primarie aperte, dice intanto Renzi.

Farnesina: Alma sta bene, ringrazia Italia – La signora Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Ablyazov, “è in buona forma e ha ringraziato il governo italiano per quanto sta facendo”. Lo riferiscono fonti della Farnesina dopo l’incontro tra un funzionario diplomatico dell’ambasciata d’Italia in Kazakistan e la signora ad Almaty, dove si trova ora la donna.

Alma “era assieme alla figlia, ha piena libertà di movimento in città e ha accesso a internet”, riferiscono le fonti. La signora ha “ringraziato il governo italiano per quanto sta facendo e attende gli sviluppi della sua vicenda giudiziaria”, aggiungono le fonti. (ANSA)