Carte di credito: ecco come difendersi dalle frodi

7 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Furto della carta di credito, clonazione o smarrimento, sono spiacevoli inconvenienti che rischiano di trasformare le vacanze in un incubo senza fine. Per evitare tutto ciò l’Abi, Associazione Bancaria Italiana, ha proposto una serie di regole da seguire anche sul luogo di villeggiatura per tenere al riparo dalle truffe i nostri soldi.

Solo nel 2012 infatti, secondo le statistiche citate di recente anche dal settimanale Panorama, le frodi riguardanti le Visa, Mastercard o American Express sono state 24 mila, in crescita dell’8,6% rispetto all’anno precedente, con perdite pari quasi a 195 milioni di euro.

Quali sono allora le regole da seguire per evitare le possibili frodi anche sotto l’ombrellone? Innanzitutto, verificare prima della partenza che siano valide, e che i codici di utilizzo non siano conservati insieme alle carte stesse.

Ancora, prima della partenza è utile sapere dove si trovano gli sportelli del nostro istituto di credito più vicini, e tenere con sè anche il numero verde da chiamare in caso di necessità, soprattutto se viaggiamo all’estero dove le frodi si moltiplicano di anno in anno.

Al momento dell’utilizzo della carta è fondamentale nascondere la tastiera del pin da occhi indiscreti, guardare il movimento della nostra carta e firmare la ricevuta di pagamento solo dopo aver controllato la corrispondenza effettiva del prezzo. Inoltre è consigliAbile conservare tutte le ricevute come prova dei pagamenti.

Infine una regola da seguire quando acquistiamo online, cioè verificare la sicurezza del sito, che deve iniziare con “https://” e non con “http://” e avere un lucchetto nella parte bassa della pagina.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Super Money – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Super Money. All rights reserved