Buffett: la strategia migliore in periodi di guerra

7 Marzo 2022, di Mariangela Tessa

Mentre l’invasione russa in Ucraina continua ad alimentare le vendite sulle principali borse mondiali, sono molti a chiedersi quali sono le strategie adottate da Warren Buffett in questo periodo. Considerato un faro per molti investitori, il finanziare americano, CEO di Berkshire Hathaway, non ha ancora espresso il suo giudizio.

Ma nel marzo 2014, all’epoca della crisi della Crimea, Buffett aveva già detto chiaramente che per nessuna ragione avrebbe venduto azioni. Anzi.

“Più le azioni sono economiche, maggiori saranno le probabilità che le acquisti”, aveva spiegato, aggiungendo che  non avrebbe venduto nemmeno se il conflitto si fosse trasformato in un’altra Guerra Fredda o Terza Guerra Mondiale.

“Anche se succedesse, acquisterei comunque le azioni. L’unica cosa di cui essere certi è che se entrassimo in una guerra, il valore del denaro diminuirebbe. È successo praticamente in ogni guerra di cui sono a conoscenza”, ha continuato Buffett. “Quindi l’ultima cosa che farei è detenere denaro durante una guerra.”

Durante la stessa intervista, Buffett aveva inoltre sottolineato che il mercato azionario statunitense è cresciuto durante la seconda guerra mondiale e ha sempre marciato al rialzo nel tempo

“Sarà molto meglio possedere risorse produttive nei prossimi 50 anni piuttosto che possedere pezzi di carta o bitcoin”, ha aggiunto.

La prima scommessa di Buffett

Buffett ha acquistato le sue prime azioni all’età di 11 anni, nella primavera del 1942, quando gli Stati Uniti stavano subendo pesanti perdite durante la seconda guerra mondiale, ha ricordato nella sua lettera agli azionisti per il 2018. L’investitore aveva comprato tre azioni di Cities Service, investendo i i suoi $ 115 di risparmi. Stando ai suoi stessi calcoli, se avesse investito quella somma in un fondo indicizzato S&P 500 senza commissioni e reinvestito tutti i dividendi, sarebbe valso $ 607.000 entro il 2019, un guadagno di 5.288 volte.

Al contrario, se si fosse fatto prendere dal panico e avesse acquistato oro per un valore di $ 115, il suo valore sarebbe cresciuto fino a soli $ 4.200, ha osservato.

“Tutto quello che dovevi fare era capire che l’America sarebbe andata bene nel tempo, che avremmo superato le difficoltà”, ha spiegato durante l’assemblea annuale degli azionisti del Berkshire nel 2018. “Non dovevi scegliere titoli vincenti”, ha continuato. “Non dovevi scegliere un momento vincente. Fondamentalmente dovevi solo decidere di investire”.

Buffett ha ribadito la sua fiducia nelle prospettive a lungo termine dell’America durante l’incontro del Berkshire del 2020.

“Ne ero convinto durante la seconda guerra mondiale, ne ero convinto durante la crisi dei missili cubani, l’11 settembre, la crisi finanziaria:  nulla può sostanzialmente fermare l’America”, ha detto. “Abbiamo affrontato problemi più difficili e il miracolo americano, la magia americana, ha sempre prevalso e lo farà ancora”.