Bufera Boeing: Australia e mezza Europa lasciano a terra il 737 Max

12 Marzo 2019, di Alessandra Caparello

Dopo Indonesia e Cina, anche Singapore e Australia hanno deciso di bloccare l’uso degli aerei Boeing 737 Max dopo il secondo tragico incidente in soli cinque mesi avvenuto domenica su un volo da da Addis Abeba, in Etiopia, a Nairobi, in Kenya uccidendo 157 persone.

Dopo Cina, Indonesia, Etiopia, Cayman, Singapore, Corea del Sud e le compagnie aeree Aerolineas Argentinas e l’indiana Jet Airways, ora anche l’Australia, la Francia, il Belgio, l’Irlanda, la Germania, l’Islanda e la Turchia hanno deciso di lasciare a terra il velivolo “incriminato”.

Sale così a più di una trentina il numero di paesi e compagnie che hanno messo al bando i modelli del velivolo sotto accusa della compagnia statunitense.

L’azienda sta subendo naturalmente pesanti ripercussioni non solo di immagine ma anche a livello finanziario. A Wall Street  il titolo Boeing ha perso miliardi di dollari di valore di mercato, perdendo oltre il 5 per cento nelle ultime contrattazioni a quota 400 dollari. In Italia i 737 Max sono tre, in uso ad Air Italy e della low cost Flydubai.

L'andamento al ribasso dei titoli Boeing dopo l'incidente in Etiopia

Boeing 737 Max, ancora incerte le cause dell’incidente

Più di 130 aerei sono stati consegnati in tutto il mondo nei giorni scorsi, ma ce ne sono altre migliaia che sono stati ordinati a Boeing, i cui destini sono ora meno certi. La Cina è il più grande cliente di Boeing con 97 aerei della famiglia 737 Max nelle proprie flotte e proprio il modello 737 Max è  il motore delle vendite e dei profitti della compagnia americana.

All’indomani dell’incidente il ministro per gli affari economici della Malaysia ha detto che il paese dovrebbe rivedere un precedente accordo di acquisto per 25 aerei Boeing 737 Max 8 con la Malaysia Airlines.

Le cause dell’incidente non sono ancora note e si attende l’esame delle due scatole nere trovate lunedì. Gli Stati Uniti hanno deciso di non bloccare questo tipo di aereo, ma hanno chiesto alla Boeing di apportare modifiche entro aprile al software e al sistema di controllo.

Analisti: Boeing deve sbrigarsi se vuole evitare annullamento di migliaia di ordini

Secondo gli analisti di GlobalData la compagnia americana deve agire in fretta se vuole salvare il 737 dall’estinzione. La caduta del volo 302 il 10 marzo ha alimentato dubbi sulla sicurezza del jet di Boeing. Nick Wyatt, Head of R&A, Travel & Tourism di GlobalData, dice che la tragedia, la seconda in cinque mesi dopo l’incidente di Giacarta di ottobre, ha giustamente spaventato diverse compagnie aeree e governi.

Questo rischia di compromettere seriamente gli ordini di aerei 737 Max in futuro, secondo Wyatt. “Più di 20 compagnie aeree hanno deciso di lasciare gli aerei a terra e questo è molto preoccupante per Boeing”. Anche perché il 737 Max è il velivolo venduto più in fretta nella storia della compagnia. Ci sono circa 5.000 jet che sono stati ordinati in attesa di essere consegnati. Sono vitali per determinare il futuro successo di Boeing”.

“È importante sottolineare”, spiega l’analista, che malgrado i dubbi sui software e i timori circa l’affidabilità del velivolo, “non ci sono ancora prove fisiche di un problema alla flotta di aerei 737 Max”. Per questa ragione Boeing deve agire in fretta per identificare un eventuale problema tecnico e porvi rimedio il prima possibile“.

Soltanto in questo modo eviterà la cancellazione in massa delle migliaia di ordini previsti, uno scenario che ovviamente avvantaggerebbe i concorrenti, indebolendo fortemente il gruppo Usa.