Brexit, professionisti scelgono Milano, ma i gruppi bancari no

14 Marzo 2019, di Livia Liberatore

Troppe incertezze sulla Brexit, troppo caos nel Regno Unito. Con l’avvicinarsi della data prevista per l’uscita dall’Unione europea, il Paese non sa ancora se e come avverrà la Brexit. Gruppi finanziari e professionisti preferiscono trasferire altrove le loro attività e una delle destinazioni prescelte è Milano.

La piattaforma per gli affitti a medio e lungo termine HousingAnywhere ha inserito il capoluogo lombardo nella top ten delle mete preferite da chi fugge dalla Brexit. I giovani professionisti nel Regno Unito che cercano alloggio in altre parti d’Europa sono aumentati del 33%. Le destinazioni più cercate sono Monaco, Ginevra e Helsinki. Ma anche Milano ha visto un aumento del 39% delle visite sulla piattaforma nei due mesi che vanno dall’1 dicembre 2018 all’1 febbraio 2019 rispetto al periodo precedente.

I grandi gruppi bancari, però, preferiscono Parigi, Francoforte, Dublino o Bruxelles. Milano ha sperato di diventare il distretto finanziario dei transfughi della Brexit ma per il momento non è così. Hsbc ha deciso di traslocare a Parigi. Fra le altre sei grandi istituzioni finanziarie che hanno scelto di lasciare Londra un’altra è andata a Bruxelles, altre due hanno optato per Dublino attratte dai vantaggi fiscali. La piazza più gettonata è stata la tedesca Francoforte, che è stata scelta da tre grandi istituti finanziari. Lo riporta il Corriere della Sera.

Secondo l’Aibe, associazione delle banche estere operanti in Italia, numeri alla mano, i trasferimenti da Londra a Milano, si misurano in qualche centinaio di profili professionali. A Milano così si sposterà solo, nel corso del mese, l’attività sui titoli di Stato europei, con le sedi di Ebm e Mts cash domestic che lasceranno Londra. La partita però non è chiusa. “Se non sulle sedi”, dice al Corriere Guido Rosa, presidente dell’Aibe, “su alcune attività particolarmente interessanti e remunerative”.