Brexit, crisi benzina ad effetto a catena: Johnson potrebbe schierare l’esercito

27 Settembre 2021, di Alessandra Caparello

Fronteggiare la crisi post Brexit dovuta alla mancanza di autotrasportatori e all’assalto degli automobilisti alle pompe di benzina con l’esercito. Questa l’idea che sta prendendo in considerazione il primo ministro inglese Boris Johnson per rifornire le stazioni di servizio.

Nel dettaglio, come rivela oggi il Guardian, centinaia di soldati potrebbero essere inviati a consegnare carburante alle stazioni di servizio a secco in tutto il paese secondo un piano di emergenza che dovrebbe essere preso in considerazione da Boris Johnson oggi. Il primo ministro riunirà gli alti membri del gabinetto per esaminare l'”Operazione Escalin” dopo che la BP ha ammesso che un terzo delle sue stazioni di servizio ha esaurito i principali tipi di carburante, mentre la Petrol Retailers Association (PRA), che rappresenta quasi 5.500 punti vendita indipendenti, ha detto che dal 50% al 90% dei suoi membri ha riferito di essere rimasto a secco.

Operazione Escalin: di cosa si tratta

Nel tentativo di evitare che la crisi si aggravi ulteriormente, i ministri inglesi, tra cui il segretario agli affari Kwasi Kwarteng, il segretario ai trasporti Grant Shapps e il segretario agli affari interni Priti Patel, si sono riuniti per una riunione di mezzogiorno nella giornata di ieri domenica per discutere le opzioni – compresa l’operazione Escalin.
Concepita anni fa durante la pianificazione di uno scenario di no-deal Brexit, significherebbe che centinaia di soldati verrebbero arruolati per guidare una flotta di riserva di 80 autobotti. Nei piani ci vorrebbero fino a tre settimane per attuarla completamente, perché alcuni dei militari mobilitati potrebbero essere già impegnati in altre missioni e altri potrebbero essere riservisti.

Nella tarda notte di domenica, il segretario Kwarteng ha anche annunciato che le imprese di carburante sarebbero state temporaneamente escluse dalla legge sulla concorrenza ai fini della condivisione delle informazioni e dell’ottimizzazione della fornitura. Ha ammesso che ci sono stati “alcuni problemi con le catene di approvvigionamento”, ma ha insistito che c’era ancora “molto carburante nelle raffinerie e nei terminal”.
L’operazione Escalin e altre proposte saranno presentate a Johnson oggi pomeriggio, in una riunione in cui i ministri dovrebbero anche discutere soluzioni più immediate per cercare di influenzare il comportamento delle persone e porre fine agli attuali livelli di panico visti. Negli ultimi giorni difatti, nonostante le rassicurazioni del governo di Boris Johnson, i distributori di benzina sono stati presi d’assalto per paura del ritardo delle consegne di carburante, una situazione che ha riguardato anche i reparti di prodotti agroalimentari in negozi e supermercati.

Brexit, crisi benzina ad effetto domino

La carenza ha anche avuto importanti effetti a catena a cui i ministri ritengono di dover porre rimedio con urgenza, con insegnanti e medici che non possono fare il pieno per andare a scuola o in ospedale. La strategia di comunicazione spuntata di insistere che non c’è mancanza di carburante sarà probabilmente spostata per esortare le persone a essere attente agli altri quando comprano la benzina.

L’attenzione è anche rivolta al Natale. Secondo Kate Martin della Traditional Farm-fresh Turkey Association (TFTA) il Regno Unito potrebbe affrontare una “carenza nazionale” di tacchini in vista di dicembre. “La causa della nostra carenza di cibo e benzina è la Brexit – ma nessuno osa nominarla” ha detto il numero uno della TFTA, che rappresenta i produttori di tacchini sottolineando che il “100% è causato da una carenza di manodopera” a causa delle regole sull’immigrazione post-Brexit, il che significa che “un’intera schiera” di forza lavoro  che”non è più disponibile per noi da utilizzare su base stagionale”.

Jim McMahon, segretario ombra laburista ai trasporti, ha sostenuto che la soluzione del governo di concedere circa 5.000 visti extra per gli autisti e altri 5.000 per i lavoratori del pollame non è “abbastanza buona”. “Se i ministri non faranno di più, “gli scaffali continueranno ad essere spogli, con medicine non consegnate e il Natale rovinato per la nazione”. Inoltre, milioni di britannici temono di avere problemi anche per il riscaldamento durante la stagione invernale visto che, a causa dei prezzi del gas all’ingrosso schizzati alle stelle, i fornitori continuano a fallire, presagendo un “inverno del malcontento” in agguato.