Brexit, banchiere inglese: “Negoziati falliranno”

28 Settembre 2017, di Mariangela Tessa

I negoziati in corso tra Regno Unito e Unione europea sulla Brexit potrebbe terminare  in qualsiasi momento. Lo ha detto in un’intervista alla Cnbc, Deanne Julius, un ex membro della Banca d’Inghilterra.

“L’approccio dei colloqui prelude ad un fallimento” ha detto Julius, aggiungendo che “uno stop ai negoziati sembra inevitabile alla luce delle precondizioni dei colloqui, che sono win-lose, non win-win. Non è così che si avvia una trattativa di successo”.

L’ex membro della Bank of England contesta l’approccio iniziale. Ovvero quello di concentrarsi sul confine irlandese, sui diritti dei cittadini e sui costi di uscita. E non invece sui futuri accordi commerciali e sulla definizione di un periodo di transizione.

Non solo. Alla base dell’insuccesso ci sarebbe anche l’assenza di flessibilità.  Il principale negoziatore dell’Unione europea, Michel Barnier, ha ribadito lunedì che non è possibile cambiare tale piano.

“Penso che la struttura di questi negoziati vada contro il buon esito, perché da un lato (primo ministro britannico) Theresa May non può creare spaccature all’interno del suo partito,  d’altra parte, Barnier non ha il potere di andare oltre ciò che è già stato concordato con i 27 paesi “.