Brexit: assist di imprese e lavoro alla premier May

19 Dicembre 2018, di Alessandra Caparello

Cinque organizzazioni imprenditoriali, il CBI (Confederation of British Industry), l’Istituto di amministrazione , le Camere di commercio britanniche, la Federazione delle piccole imprese e l’ente manifatturiero EEF hanno lanciato un assist alla premier inglese Theresa May.

Le cinque difatti, come riporta oggi il Guardian, si sono dette disgustate dalle lotte intestine dentro Westminster e lanciano un avvertimento ai parlamentari inglesi: rischiate di far precipitare nel caos un’economia mal preparata, a meno che non sosteniate l’accordo sulla Brexit che la premier Theresa May ha concordato con Bruxelles.

“La responsabilità di trovare una strada da percorrere ora dipende direttamente da 650 parlamentari. Nessuno vuole prolungare l’incertezza, ma tutti devono ricordare che le aziende e le comunità hanno bisogno di tempo per adattarsi ai cambiamenti futuri. In qualità di gruppi di lavoro leader nel Regno Unito, chiediamo ai parlamentari di tutte le parti di tornare ai loro collegi elettorali durante il periodo natalizio e parlare con le loro comunità commerciali locali. Speriamo che ascolteranno e ricorderanno che quando torneranno in parlamento, il futuro della nostra economia sarà nelle loro mani “.

Così si legge in una dichiarazione congiunta delle associazioni. Pungenti le dichiarazioni della numero uno del Cbi, la Confindustria inglese, Carolyn Fairbairn.

“Non è un accordo perfetto ma è un compromesso che ci ha evitato il peggior risultato possibile, ovvero una Brexit senza accordo, che avrebbe portato a immediati dazi tra Ue e Gran Bretagna.

Alla riunione degli industriali è intervenuta la stessa May che ha sottolineato:

Voglio che il futuro rapporto tra Regno Unito e Unione Europea sia effettivo il 1° gennaio 2021. Dal mio punto di vista, in ogni caso, è importante che il periodo di transizione finisca prima delle prossime elezioni”.