Boeri sarà scelto come prossimo numero uno dell’Inps

28 Gennaio 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (SWI) – Tito Boeri potrebbe salire al vertice dell’Inps, pur non avendo esperienza nel settore. Ora che ha ottenuto il via libera politico, il professore della Bocconi potr`a realizzare il suo progetto di riforma del dissestato sistema pensionistico italiano.

La Commissione lavoro alla Camera ha dato parere positivo alla nomina dell’economista come presidente dell’istituto nazionale previdenziale. Secondo quanto si apprende sui media, si sono astenuti i rappresentanti del Movimento 5 stelle.

Come portavoce Boeri, che lavora anche come opinionista e analista de La Voce.info, avrebbe già scelto un giornalista del Sole 24 Ore.

Dopo la nomina del nuovo presidente “il tema cruciale per l’Inps è la governance, e chiederemo a Boeri di tornare su questo tema, perché non vogliamo più un uomo solo al comando”.

Lo ha detto il presidente della commissione Lavoro della Camera ed ex ministro del Lavoro Cesare Damiano, dopo il via libera alla nomina.

“La riforma della governance dipende dal governo, ma noi siamo pronti” ha aggiunto Damiano, ricordando che c’è già una proposta di legge a sua firma che punta a una governance duale (Cda di 5 componenti da cui scegliere il presidente e comitato di sorveglianza).

Quanto al voto favorevole della commissione (27 i sì) alla nomina di Boeri, “come anticipato ieri, tutta la maggioranza ha sostenuto la sua candidatura, Pd, Ncd e Scelta Civica, cui si sono aggiunti i voti di Sel”. Una conferma, per Damiano “che abbiamo fatto la cosa giusta con l’audizione di Boeri che ha consentito di rispondere alla domanda sulla sua idoneità anche per gli aspetti manageriali”.

(DaC)