Mercati su livelli insostenibili, correzione sarebbe salutare

1 Giugno 2017, di Mariangela Tessa

Wall Street ha corso troppo. Mai come ora è necessaria una pausa per i mercati azionari americani. A dirlo sono gli analisti di BNP Paribas secondo cui le quotazioni hanno raggiunto livelli insostenibili. Pertanto una correzione potrebbe essere benvenuta dagli investitori azionari.

Come si legge in un articolo di Bloomberg, Daniel Morris, strategist di BNP Paribas non nasconde che al momento “Sarebbe auspicabile, a questo punto, assistere ad una marcia indietro dei mercati. Guardando alll’azionario – continua – oltre ai livelli raggiunti dalle quotazioni, quello che preoccupa di più è il basso livello di volatilità”.

Dalla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa, l’indice S&P 500 è salito del 12% mentre i livelli di p/e hanno toccato i livelli più alti dal 2009.

Secondo Morris, con valutazioni così alte è più difficile per gli investitori trovare azioni “attraenti” sui mercati, mentre una correzione darebbe agli investitori l’opportunità di ridistribuire i fondi. Raccomanda un peso neutrale in titoli azionari, titoli da sottopesare e liquidità in sovrappeso. In particolare Morris consiglia di restare “neutri” sull’azionario, sottopesare i bond e sovrappesare la liquidità.

BNP Paribas non è la sola a considerare la Borsa americana sopravvalutata. Qualche settimana fa anche il premio Nobel per l’economia Robert Shiller ha lanciato qualche settimana fa un allarme sull’azionario americano che, a suo dire, avrebbe raggiunto valutazioni troppo elevate, alimentando l’idea che c’è il rischio di una forte correzione. Motivo per cui è meglio guardare con più interesse all’azionario europeo.