Blackberry, crollo capitalizzazione: in vendita?

13 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – L’incapacità di contrastare il dominio di Apple e di altri smartphone che si basano sul software Android di Google porta il Blackberry, il colosso dei cellulari canadese, a valutare diverse opzioni, tra cui quella di mettersi in vendita.

Altre opzioni includono alleanze strategiche o joint venture, che potrebbero velocizzare l’adozione del suo nuovo sistema operativo BlackBerry 10, lanciato sul mercato all’inizio di quest’anno senza avere però un grande impatto.

“Considerata l’importanza e la forza della nostra tecnologia, il contesto di un mercato competitivo che si evolve, riteniamo che questo sia il momento giusto per esplorare alternative strategiche”, ha commentato, stando a quanto riporta il Telegraph, Timothy Dattels, presidente della commissione speciale della società.

Il titolo della società, che ha perso più di un terzo nell’ultimo mese di contrattazione dopo il profit warning lanciato a giugno, ha terminato le contrattazioni di ieri a Wall Street con un balzo +10,5% a $10,78. A questo prezzo, Blackberry sarebbe valutata a $5,65 miliardi: un vero e proprio crollo della capitalizzazione di mercato, che appena tre anni fa ammontava a più di $41 miliardi.